Torna a "Promesse elettorali di Marcello Pittella"
Marcello Pittella
Presidente Regione Basilicata

Agricoltura – Acqua, risorsa e bene comune

Riorganizzazione del comparto agricolo (ALSIA, Consorzi di Bonifica, Agrobios). Completamento del processo di riorganizzazione della governance in agricoltura, prevedendo la possibilità di rafforzare la mission di ALSIA verso le attività di ricognizione della condizione competitiva aziendale e di consulenza innovativa.

Pagamenti per i servizi ambientali (PES). Verificare, sul modello francese, gli strumenti idonei ad istituire il pagamento dei servizi ambientali (previsto nella riforma della PAC, conosciuta come “il greening della PAC”) diretti a sostenere l’adozione di attività a scarso impatto ambientale.

Fattorie sociali. Utilizzazione delle risorse del prossimo FEASR per promuovere turismo ma anche “fattorie sociali” che svolgano servizi socioassistenziali per la loro comunità.

Filiere corte. Promozione, sempre tramite il FEASR, di una maggiore diffusione territoriale delle filiere corte.

Ricambio generazionale. Rilancio del ricambio generazionale nelle imprese agricole, al fine di “svecchiare” il comparto e fornire opportunità occupazionali ai giovani, affiancando agli incentivi anche l’assistenza tecnica e la consulenza per la gestione aziendale a favore del neo-imprenditore, utilizzando a tal fine anche i servizi di ALSIA.

Consorzi. Rilancio dei Consorzi quale luoghi dove i produttori possono associarsi per aumentare la loro forza contrattuale nei confronti della distribuzione.

Biogas o Biomasse. Utilizzazione del FEASR per aumentare la quota di autoproduzione energetica nelle imprese agricole, tramite biogas o biomasse.

Sicurezza alimentare e Certificazione di qualità. Saranno sostenuti programmi tesi a migliorare gli standard produttivi, incrementare la quantità, potenziare e sostenere fortemente la nascita di imprese agroalimentari con cicli produttivi conformi alle norme igienico-sanitarie.

Promozione prodotti. Sostenere attraverso i distretti agroalimentari accordi con le principali piattaforme di ristorazione e commercializzazione, italiane ed estere (ad es. EatItaly), per la migliore promozione dei prodotti tipici lucani sui mercati extraregionali. 

Enti + efficienza, attraverso una riforma della governance e un rafforzamento del controllo ambientale per una corretta ed efficace protezione della risorsa.

Rilanciare l’Accordo di programma Basilicata-Puglia-Stato. Nella gestione condivisa della risorsa idrica, in particolare, per recuperare le quote di credito dovute dagli Enti pugliesi alla nostra regione e necessarie alla manutenzione delle condotte e degli invasi stessi (royalty acqua).

Potenziamento della depurazione. Consolidare le collaborazioni con i centri di ricerca per migliorare l’efficienza nella gestione dell’acqua, nel riciclo dei liquami […], quindi, nella rete dei controlli sui depuratori.

Tariffe. Rivedere il sistema di erogazione dei servizi idrici per garantire delle tariffe ottimali tenuto conto degli indicatori del welfare, differenziando maggiormente la tariffa in funzione dell’ISEE del nucleo familiare.

Distribuzione. Ammodernamento delle reti di distribuzione della risorsa con l’obiettivo di riduzione delle perdite, di concerto con l’AATO e sulla base della ricognizione effettuata annualmente dal Gestore, Acquedotto Lucano S.p.A.

Governo
Marcello Pittella
Presidente Regione Basilicata
Marcello Pittella nasce nel 1962 a Lauria, in provincia di Potenza. Dopo aver conseguito la laurea in Medicina e Chirurgia nel 1988, inizia la carriera politica seguendo le orme del padre e del fratello nel Psi. Nel 2005 viene eletto consigliere regionale e mantiene l’incarico alle elezioni del 2010, nelle liste del PD. Diviene assessore alle Attività produttive, Politiche dell’Impresa e Innovazione tecnologica nel 2012. Alle elezioni regionali del 17 e 18 novembre 2013 vince ed è nominato presidente della Regione Basilicata.
Redazione, 01/03/2017

L’intervento del presidente Marcello Pittella è stato inviato dal portavoce Nino Grasso

E’ in stato molto avanzato il processo di riordino del sistema della governance agricola, imperniato attorno:

  • Al riordino dei Consorzi di Bonifica, con l’istituzione del Consorzio Unico, il riassorbimento delle unità lavorative precarie e il finanziamento di 9,7 milioni di euro ai Consorzi di bonifica della Regione Basilicata per la realizzazione di servizi essenziali quali schemi irrigui, manutenzione impianti ed esercizio dighe, opere irrigue e di bonifica idraulica;
  • Alla nuova mission di Alsia,

La governance idrica regionale è stata riformata, facendo confluire Eipli dentro Acqua Spa.

A giugno 2016 è stato poi firmato l’accordo di programma con la Puglia ed il Governo, che ridisegna tre aspetti essenziali: la programmazione dell’utilizzo della risorsa per gli usi civili, industriali ed agricoli; la determinazione e la formazione del bilancio idrico condiviso; la definizione dei costi dell’acqua all’ingrosso.

Il ciclo idrico integrato sarà chiuso e ammodernato, con il potenziamento della depurazione e la riduzione delle perdite lungo la rete, mediante i fondi previsti dal PO FESR 2014-2020, entrato nella sua fase attuativa.

Maggioranza
Roberto Cifarelli
Presidente Gruppo Partito Democratico
Nasce il 5 novembre 1963 a Matera. Laureato in Scienze geo-topo-cartografiche estimative e territoriali, dal 15 gennaio 2014 è presidente del gruppo PD in Consiglio Regionale e Componente della Giunta delle elezioni.
Nina Celli, 11/05/2017

Sono molto soddisfatto delle politiche in questo ambito. Quasi tutte le promesse sono state mantenute. Solo sulla depurazione si deve lavorare, ma sono già state individuate le risorse e, seppure con qualche ritardo, si sta procedendo nella giusta direzione. Queste risorse sono all’interno del Patto per la Basilicata sottoscritto nel maggio 2016 e che prevede un investimento di oltre 200 milioni di euro nei settori dell’acqua e della depurazione. Anche qui dunque risorse disponibili e nuovo accordo di programma per la gestione della risorsa idrica con la Puglia, sottoscritto il mese di luglio dello scorso anno. Abbiamo costituito l’EGRIB, Ente di gestione della risorsa idrica di Basilicata, che ha sostituito Ato Acqua e Ato Rifiuti, superati dalle norme nazionali. Le nuove tariffe per l’acqua potabile che gestisce EGRIB sono inoltre calmierate per le fasce più deboli attraverso un contributo della Regione. C’è un tema rimasto aperto, che dipende da accordi tra regioni e governo nazionale: il superamento di EIPLI (Ente per lo Sviluppo dell’Irrigazione e la Trasformazione Fondiaria in Puglia, Lucania ed Irpinia) commissariato da anni e che non svolge più le sue funzioni, della gestione delle dighe e dell’adduzione principale verso gli acquedotti pugliese e lucano, oltre che ai consorzi di bonifica e per i soggetti industriali più importanti. Qui, ripeto, non dipende solo da noi ma ci deve essere un accordo con Puglia e governo nazionale.

Redazione
Redazione PCH
Redazione
Redazione, 23/05/2017

La redazione Promise Checking ha esteso l’invito a intervenire a tutti i gruppi presenti in Consiglio regionale.
Dei gruppi consiliari attualmente non presenti in piattaforma, hanno accolto l’invito ma non hanno ancora inviato il loro contributo i seguenti gruppi: Fratelli d’Italia (presidente Gianni Rosa); M5S (si attendono gli interventi del presidente Gianni Leggieri e del consigliere Giovanni Perrino); PSI (assessore Francesco Pietrantuono); UDC (presidente Francesco Mollica).

Non hanno ancora dato riscontro circa la volontà d’intervenire i seguenti gruppi consiliari: Centro Democratico (assessore Nicola Benedetto); Gruppo Misto (presidente Aurelio Pace).

Hanno declinato l’invito a intervenire i seguenti gruppi: Forza Italia (presidente Michele Napoli); Pittella Presidente (presidente Luigi Bradascio).