Torna a "Promesse elettorali di Vincenzo De Luca"
Vincenzo De Luca
Presidente Regione Campania

Burocrazia zero. Procedure più agili, dirette e veloci

● Riordino delle competenze: alla Regione la legislazione e i grandi programmi, ai Comuni la gestione amministrativa;
● Autocertificazione generalizzata per il rilancio di autorizzazioni;
● Testi unici normativi per assi tematici omogenei;
● Adeguamento delle funzioni amministrative, valorizzando le Unioni dei Comuni per la gestione dei servizi locali;
● Semplificazione e accorpamento delle funzioni svolte da una pletora di enti infra-regionali;
● Promozione delle professionalità e diffusione di un sistema di valorizzazione delle competenze a tutti i livelli, con soppressione di tutte le consulenze inutili;
● Riordino delle società partecipate e lotta agli sprechi;
● Abolizione delle commissioni regionali non obbligatorie per norme statali e dell’Unione Europea;
● Rispetto rigoroso dei tempi per l’emanazione di norme e regolamenti attuativi;
● Trasparenza vera e accessibile: realizzazione di una PIATTAFORMA WEB e open data per una Regione “casa di vetro”;
● Regolamentazione e adozione obbligatoria degli strumenti di identità elettronica (codice del fascicolo) affinché ciascun cittadino e/o utente possa controllare in tempo reale lo stato del procedimento della pratica di proprio interesse;
● Promozione dei Protocolli di legalità, d’intesa con l’Autorità nazionale anticorruzione, le Prefetture e gli Enti locali, per il contrasto alla corruzione nelle istituzioni e nell’uso delle risorse pubbliche.

Governo
Vincenzo De Luca
Presidente Regione Campania
Vincenzo De Luca nasce l’8 maggio 1949 a Ruvo del Monte (PT). Ricopre per due mandati la carica di sindaco di Salerno, dal 1993 al 2001. Il 31 maggio 2015 De Luca vince le elezioni regionali con il 41,15% dei consensi. Proclamato ufficialmente presidente della Regione Campania il 18 giugno, dopo otto giorni viene sospeso dalla carica in virtù della Legge Severino. Sospensione che dura solo pochi giorni: il 2 luglio, infatti, il Tribunale di Napoli accoglie il ricorso impugnato d’urgenza, dando così a De Luca la possibilità di firmare gli atti e nominare la Giunta.
Nina Celli, 11/10/2016

L’intervento del presidente Vincenzo De Luca è stato inviato dal portavoce Paolo Russo

Promesse: Adeguamento delle funzioni amministrative, valorizzando le Unioni dei Comuni per la gestione dei servizi locali; Riordino delle competenze: alla Regione la legislazione e i grandi programmi, ai Comuni la gestione amministrativa
Commento:
• Legge regionale 9 novembre 2015, n. 14. “Disposizioni sul riordino delle funzioni amministrative non fondamentali delle province in attuazione della legge 7 aprile 2014, n. 56 e della legge 23 dicembre 2014, n. 190”;
• DGR n.616 del 30.11.2015, individua le attività e i servizi riconducibili alle funzioni non fondamentali delle Province;
• Delibere n.212 e 213 del 18.05.2016, approvano le Intese (di cui all’articolo 7, comma 3, L.R. 14/2015), rispettivamente, con l’Ente di Area Vasta di Benevento e con la Città Metropolitana di Napoli e gli Enti di Area Vasta di Avellino, Caserta e Salerno, relative alla riallocazione delle attività e dei servizi riconducibili alle funzioni non fondamentali delle Province, disciplinandone il loro trasferimento nonché il trasferimento delle connesse risorse umane, strumentali e finanziarie.

Promessa: Autocertificazione generalizzata per il rilascio di autorizzazioni
Commento:
• Legge regionale 14 ottobre 2015, n. 11 [Misure urgenti per semplificare, razionalizzare e rendere più efficiente l’apparato amministrativo, migliorare i servizi ai cittadini e favorire l’attività di impresa. Legge annuale di semplificazione 2015, NdR];
• DGR n. 515 del 27/10/2015, istituisce lo Sportello Unico Regionale per le Attività Produttive (SURAP)-Attuazione dell’art. 20, comma 5, della Legge regionale 14 ottobre 2015, n. 11.

Promessa: Testi unici normativi per assi tematici omogenei
Commento:
• Approvata la Legge per il Diritto allo Studio “Misure per potenziare e rendere effettivo il diritto allo studio universitario” n° 12 del 18 maggio 2016;
• Legge Cinema “Cinema Campania. Norme per la valorizzazione e la promozione della cultura cinematografica e audiovisiva” in corso di approvazione (la DGR n.402 del 20.07.2016 approva il disegno di legge; la commissione consiliare approva il testo il 26.09.2016);
• Legge Spettacolo “Misure per la valorizzazione e la promozione dello spettacolo nella Regione Campania” in corso di elaborazione;
• Musei e biblioteche: approvato Piano triennale DGR n.16 del 16 gennaio 2016; pubblicato Avviso per richiesta contributi (DD 30 del 22 aprile 2016);
• Modifiche apportate agli artt. 15, 17, 18,23, 25 della L.R. n. 18/2014 Organizzazione del sistema turistico in Campania, atte a implementare la promozione del turismo e della cultura nella Regione Campania ed evitare duplicazioni di funzioni e sprechi di risorse pubbliche.

Promessa: Riordino delle società partecipate e lotta agli sprechi
Commento:
• L.R. 18 gennaio 2016, n. 1 – Legge di stabilità – (art.4 accorpamenti, dismissioni e liquidazione delle società partecipate; dismissione delle quote di partecipazioni in enti, fondazioni, organismi che assolvono alle medesime funzioni dell’Agenzia regionale per la promozione del turismo e dei beni culturali della Campania – art.10, soppressione dell’Arlas [Agenzia per il Lavoro e l’Istruzione, NdR] -art.1);
• L.R. n. 20/2015 dispone la soppressione dell’Arsan [Agenzia Regionale Sanitaria, NdR] art.4.

Promessa: Semplificazione e accorpamento delle funzioni svolte da una pletora di enti infra-regionali
Commento:
L.R. 1/2016 sopprime tutte le commissioni, comitati, osservatori, gruppi di lavoro istituiti con legge regionale ovvero con provvedimenti amministrativi nell’ambito delle strutture regionali -art.2-.

Promessa: Promozione delle professionalità e diffusione di un sistema di valorizzazione delle competenze a tutti i livelli, con soppressione di tutte le consulenze inutili
Commento:
• Delibere e Decreti finalizzati alla riorganizzazione della macchina amministrativa con migliore allocazione delle risorse (soppressione e accorpamento UOD, tagli posizioni dirigenziali, riorganizzazione compiti e funzioni di Dipartimenti e Direzioni Generali, spostamenti personale presso DG in sofferenza su processi organizzativi complessi);
• scelta dei Capi Dipartimento fra i dipendenti di ruolo;
• rivisitazione dei profili professionali per i funzionari, in corso di realizzazione.

Promessa: Abolizione delle commissioni regionali non obbligatorie per norme statali e dell’Unione Europea
Commento:
• DGR n. 81 dell’ 8 marzo 2016, Conferma delle Commissioni, Comitati, Osservatori, Gruppi di lavoro in applicazione dell’art 2 della Legge 1/2016.

Promessa: Rispetto rigoroso dei tempi per l’emanazione di norme e regolamenti attuativi
Commento:
• Ricognizione dei responsabili del procedimento e monitoraggio sui termini di conclusione dei procedimenti amministrativi;
• DGR n. 7/2016, approva Regolamento per la determinazione dei termini di conclusione dei procedimenti di competenza della Giunta Regionale;
• Approvazione del Regolamento n°2 del 29 marzo 2016, Misure urgenti per semplificare, razionalizzare e rendere più efficiente l’apparato amministrativo, migliorare i servizi ai cittadini e favorire l’attività di impresa.

Promessa: Trasparenza vera e accessibile: realizzazione di una PIATTAFORMA WEB e open data per una Regione “casa di vetro”
Commento:
• Legge regionale 14 ottobre 2015, n. 11, Misure urgenti per semplificare, razionalizzare e rendere più efficiente l’apparato amministrativo, migliorare i servizi ai cittadini e favorire l’attività d’impresa. Legge semplificazione 2015. All’art. 12 è previsto il programma “la Regione in un click”, per la facile e immediata reperibilità delle informazioni;
• Attivazione di sistemi operativi per gli open-data:
◦ I.TER, attivata l’innovativa piattaforma a supporto del SIT (Sistema Informativo Territoriale) regionale per semplificare il flusso dati relativo alla gestione della conoscenza territoriale, supportare le decisioni e pubblicare le informazioni in open data;
◦ SIAR (Sistema Informativo dell’Amministrazione Regionale), finalizzato alla realizzazione di un sistema unitario di gestione e monitoraggio dei Fondi FESR [Fondo Europeo di Sviluppo Regionale, NdR] e FSE [Fondo Sociale Europeo, NdR]. Con DD n.106 del dicembre 2015 è stato aggiudicato la realizzazione del SIAR [Sistema Informativo dell’Amministrazione Regionale, NdR];
• DGR 416 del 27.07.2016 relativa all’Accordo di collaborazione tra la Regione Campania e l’Istituto per i Beni artistici, culturali e naturali della Regione Emilia-Romagna per l’archiviazione, conservazione e consultazione dei documenti informatici.

Promessa: Regolamentazione e adozione obbligatoria degli strumenti di identità elettronica (codice del fascicolo) affinché ciascun cittadino e/o utente possa controllare in tempo reale lo stato del procedimento della pratica di proprio interesse 
Commento:
• DGR n. 192 del 3.05.2016 approva i programmi “La Regione in un click” e “Carta della cittadinanza digitale campana”.

Redazione
Redazione PCH
Redazione
Redazione, 10/02/2017

Il capogruppo della Lista Caldoro Presidente e il Gruppo Partito Democratico Campania, pur avendo rilasciato le interviste, non sono intervenuti in questo specifico ambito.

La redazione Promise Checking ha esteso l’invito a intervenire a tutti i gruppi presenti in Consiglio regionale.
Dei gruppi consiliari attualmente non presenti in piattaforma, hanno accolto l’invito ma non hanno ancora inviato il loro contributo i seguenti gruppi: Campania Libera – PSI – Davvero verdi (presidente Francesco Emilio Borrelli); De Luca presidente in rete (presidente Carmine De Pascale); Fratelli d’Italia (presidente Alberico Gambino).

Non hanno ancora dato riscontro circa la volontà d’intervenire i seguenti gruppi consiliari: Forza Italia (presidente Armando Cesàro); UDC (presidente Maria Ricchiuti); Gruppo Misto (sono stati contattati il presidente Francesco Moxedano e il consigliere Pasquale Sommese).

Ha declinato l’invito a intervenire il gruppo Centro Democratico – Scelta Civica (presidente Giovanni Zannini).