Torna a "Promesse elettorali di Sergio Chiamparino"
Sergio Chiamparino
Presidente Regione Piemonte

Cultura. Il futuro comincia da qui

Torino e il Piemonte devono essere al centro dell’innovazione artistica mondiale, utilizzando spazi come le ex Ogr e lanciando ovunque città dell’arte, della musica, della bellezza: non solo per conservare ma per dar vita a nuove idee e sostenere la creatività dei nostri giovani”.

Governo
Sergio Chiamparino
Presidente Regione Piemonte
Sergio Chiamparino nasce a Moncalieri il I settembre 1948 da una famiglia operaia. Si laurea in Scienze Politiche all'università di Torino, dove, fino al 1975, svolge attività di ricerca. Nello stesso anno ha inizio il suo impegno politico nel Comune di Moncalieri nelle fila del PCI. Nel 2001 si presenta alle elezioni comunali di Torino, vincendo al ballottaggio con il 52,8% dei voti. Riconfermato, poi, nel 2006, quando vince al primo turno contro Rocco Buttiglione. Tra il 2012 e il 2014 è presidente della Fondazione bancaria Compagnia di San Paolo, incarico dal quale si dimette per candidarsi alla presidenza della Regione Piemonte. Sergio Chiamparino il 26 maggio 2014 vince le elezioni con quasi il 47% dei voti.
Nina Celli, 10/01/2017

L’intervento del presidente Sergio Chiamparino è stato inviato dalla portavoce Alessandra Gaia Perera

Progettualità, sostegno allo sviluppo delle eccellenze e delle realtà locali e valorizzazione del patrimonio diffuso sul territorio sono le principali linee guida dell’azione della Regione. Un approccio ben sintetizzato da una delle iniziative più significative del 2016: gli Stati generali della Cultura, organizzati da giugno a dicembre in tutte le province e che hanno coinvolto centinaia di operatori, istituzioni culturali e amministratori pubblici con l’obiettivo di definire, nel corso del 2017, una nuova legge. La governance del territorio e il rapporto con l’Unione Europea, le criticità legate al lavoro, alle nuove professionalità e al volontariato culturale, il ruolo dei pubblici nella progettazione delle attività, l’impresa culturale e le nuove tecnologie applicate alla valorizzazione sono state le tematiche discusse ai tavoli di lavoro, sulla base non solo del lavoro e dell’esperienza degli operatori piemontesi, ma anche a partire dai temi di cui si occupano l’Europa, il Ministero, le Regioni e gli enti locali, le Fondazioni di origine bancaria.
Per lo sviluppo del talento, della progettualità e dell’impresa culturale ha avuto invece un ruolo rilevante l’azione di “Hangar, re-inventare il futuro”. L’iniziativa, che finora ha accompagnato 30 organizzazioni e coinvolto oltre 2000 partecipanti, quest’anno si è ulteriormente sviluppata: si è chiuso il primo bando di Hangar Creativity, dedicato allo sviluppo del talento per giovani under 35.
A sostegno delle eccellenze del nostro territorio è proseguito inoltre quello al sistema delle arti contemporanee, un settore che si è confermato come uno degli asset fondamentali del panorama regionale. Quest’anno, in particolare, è stata siglata una convenzione con l’associazione Xplosiva, organizzatrice della rassegna di rilievo internazionale Club to Club, in una logica di allargamento dell’offerta e includendo importanti sedi come la Reggia di Venaria.
Il coinvolgimento sopra citato si pone inoltre all’interno di un importante lavoro di valorizzazione delle Residenze sabaude: un patrimonio unico che costituisce uno dei punti di maggior forza per il nostro sistema culturale e per l’attrattività turistica. Una messa a sistema che ha trovato il suo momento più avanzato nella rassegna “Palchi Reali”, realizzata nei mesi estivi. Particolarmente significativo è stato inoltre, a fine anno, lo sblocco di una tranche dei fondi FESR, che permetteranno interventi strutturali di riqualificazione e rifunzionalizzazione di alcuni beni di proprietà della Regione: il Parco di Stupinigi, Borgo Castello all’interno del Parco La Mandria e il Castello di Casotto. Ha continuato ad avere un ruolo di primo piano il patrimonio riconosciuto dall’Unesco: sono proseguiti i la valorizzazione dei siti già riconosciuti ed il sostegno ad altre candidature, quali quelle in corso di “Ivrea città industriale del XX secolo” e della cultura del tartufo come patrimonio immateriale dell’umanità.
Per ciò che riguarda l’area vitivinicola di Langhe-Roero e Monferrato, il progetto “Io Agisco!” ha concluso con successo la sua seconda edizione, coinvolgendo un numero sempre maggiore di cittadini, scuole e istituzioni.
Nel 2016 è proseguito il sostegno all’articolato sistema del cinema piemontese che, grazie a realtà di eccellenza come Film Commission Torino Piemonte e il Torino Film Festival, si attesta come un territorio di riferimento a livello nazionale. Un comparto produttivo capace di generare importanti ricadute economiche e lavorative, stimate per quest’anno intorno ai 15,6 milioni di euro.

Opposizione
Gruppo Movimento 5 Stelle Piemonte
Gruppo consiliare
Il Gruppo consiliare Movimento 5 Stelle Piemonte è presieduto da Paolo Domenico Mighetti. Francesca Frediani è il vicepresidente. Gli altri consiglieri sono: Gianpaolo Andrissi, Stefania Batzella, Giorgio Bertola, Davide Bono, Mauro Willem Campo e Federico Valletti.
Nina Celli, 05/08/2016

Nessuno spazio nuovo è stato recuperato per l’innovazione artistica. Non risultano progetti per diffondere poli culturali al di fuori dei soliti salotti torinesi e torinocentrici.

Maggioranza
Marco Grimaldi
Presidente Gruppo Sel-Si Piemonte
Marco Grimaldi nasce a Torino l'8 novembre 1980. L'impegno politico inizia sin dai tempi del liceo e nel 2001 viene eletto senatore degli studenti all'Università degli Studi di Torino. Dal 2001 al 2004 è segretario provinciale della Sinistra giovanile. Nel 2006 diventa consigliere comunale di Torino nella lista Democratici di Sinistra-Ulivo, impegnandosi nei settori legati alla cultura giovanile, alla lotta alle nuove dipendenze e all’ambiente. Nel 2011 viene nuovamente eletto in Consiglio comunale per Sinistra Ecologia Libertà. Nel 2014 è eletto in Consiglio regionale nella lista maggioritaria.
Nina Celli, 14/10/2016

Credo che la cultura sia riemersa proprio grazie ai finanziamenti alle piccole attività, a quelle più creative, a quelle innovative, fuori dai circuiti tradizionali. È riemersa in luoghi insoliti, come nelle politiche sociali e nello sport di base, in luoghi non convenzionali. Ed è riemersa nella sua forma più contemporanea, cioè la promiscuità con altri ambiti, con settori meno tradizionali. In questo senso la Regione può promuovere la multidisciplinarità, perché cultura vuol dire anche doposcuola, vuol dire un legame vero con lo sport e con le politiche sociali. Ma tutto questo deve essere portato avanti in primis dagli enti locali. L’abbiamo detto dall’inizio: se la Regione vuole essere un ente meno gestionale e più programmatore, deve essere anche capace di fornire queste linee di indirizzo alle città. Io ho un progetto in tal senso, anche se non so se potrà mai diventare una legge regionale: in un periodo di crisi nel quale è difficile riqualificare il patrimonio, perché gli investitori sono sempre meno interessati – soprattutto ai nostri ex patrimoni industriali, – credo che per quei luoghi si potrebbe “progettare l’attesa”. Questa progettazione dell’attesa potrebbe essere affidata ai tantissimi giovani, non solo artisti, che hanno voglia di porre la cultura al centro di queste aree. Uno degli esempi che a Torino sta dando secondo me il segno di una linea possibile si chiama “Bunker”: giovani che pian piano hanno utilizzato delle aree dismesse da tanti anni, rendendo quei luoghi di nuovo preziosi e vivibili. Hanno attratto nuove imprese e il “Bunker” oggi è un luogo dove si praticano sport non convenzionali, dove ci sono una scuola di circo almeno quattro aziende creative. Credo sia più opportuno affidare questi edifici alla libera espressione dei più giovani, piuttosto che lasciarli in disuso. È una scommessa che si può anche perdere, ma che comunque abbassa la conflittualità sociale.

Opposizione
Gruppo Forza Italia Piemonte
Gruppo Forza Italia Piemonte
Il Gruppo Forza Italia della Regione Piemonte è presieduto da Gilberto Pichetto Fratin e Francesco Graglia è il suo vice. Gli altri consiglieri sono: Massimo Berutti, Claudia Porchietto, Daniela Ruffino, Diego Sozzani, Gian Luca Vignale.
Nina Celli, 17/10/2016

L’intervento del Gruppo Forza Italia Piemonte è stato inviato dal portavoce Davide Balena

Promessa: Torino e il Piemonte devono essere al centro dell’innovazione artistica mondiale, utilizzando spazi come le ex Ogr e lanciando ovunque città dell’arte, della musica, della bellezza: non solo per conservare ma per dar vita a nuove idee e sostenere la creatività dei nostri giovani;
Commento: C’è stata una notevole crescita di questo settore, ma l’attuale Giunta ha solo ereditato una evoluzione che si è attuata a prescindere.

Redazione
Redazione PCH
Redazione
Redazione, 10/02/2017

La redazione Promise Checking ha esteso l’invito a intervenire a tutti i gruppi presenti in Consiglio regionale.
Dei gruppi consiliari attualmente non intervenuti in piattaforma, ha accolto l’invito ma non ha ancora inviato il contributo il gruppo Lega Nord Piemonte (presidente Gianna Gancia).

Non hanno ancora dato riscontro circa la volontà d’intervenire i seguenti gruppi consiliari: PD (presidente Davide Gariglio); Moderati (presidente Maria Carla Chiapello); Scelta di rete civica per Chiamparino (presidente Alfredo Monaco).

Ha declinato l’invito a intervenire il gruppo Chiamparino per il Piemonte (presidente Mario Giaccone).