Torna a "Promesse elettorali di Sergio Chiamparino"
Sergio Chiamparino
Presidente Regione Piemonte

Diritti. Cittadini al 100%

  • Vogliamo far crescere, insieme al privato-sociale e alle imprese private, nuove forme di housing, partendo dai bisogni delle persone e delle famiglie”;
  • È […] importante rilanciare gli incentivi al risparmio energetico per gli edifici pubblici e privati”;
  • Bisogna creare opportunità nuove a partire dalle risorse non utilizzate – come gli edifici pubblici dismessi – sperimentando nuove forme di equità e giustizia”.
Governo
Sergio Chiamparino
Presidente Regione Piemonte
Sergio Chiamparino nasce a Moncalieri il I settembre 1948 da una famiglia operaia. Si laurea in Scienze Politiche all'università di Torino, dove, fino al 1975, svolge attività di ricerca. Nello stesso anno ha inizio il suo impegno politico nel Comune di Moncalieri nelle fila del PCI. Nel 2001 si presenta alle elezioni comunali di Torino, vincendo al ballottaggio con il 52,8% dei voti. Riconfermato, poi, nel 2006, quando vince al primo turno contro Rocco Buttiglione. Tra il 2012 e il 2014 è presidente della Fondazione bancaria Compagnia di San Paolo, incarico dal quale si dimette per candidarsi alla presidenza della Regione Piemonte. Sergio Chiamparino il 26 maggio 2014 vince le elezioni con quasi il 47% dei voti.
Nina Celli, 10/01/2017

L’intervento del presidente Sergio Chiamparino è stato inviato dalla portavoce Alessandra Gaia Perera

La Regione ha assegnato a 12.000 famiglie circa 8 milioni di euro del Fondo per l’aiuto alla locazione e 4 milioni del fondo per i locatari degli alloggi sociali.
Sono state sviluppate le Agenzie sociali per la Locazione, passate dalle 13 del 2014 alle 30 di quest’anno. Tramite una misura regionale di sostegno sono stati stipulati circa 1.000 contratti agevolati per complessivi 2 milioni di euro. È stato predisposto un disegno di legge al fine di modificare il metodo di gestione delle decadenze per morosità in immobili ATC e sottoscritto un protocollo d’intesa con ANCI Piemonte, ATC Centro, Sud e Nord, SUNIA, SICET e UNIAT per la sua attuazione. È stata finanziata con 2 milioni di euro la manutenzione di 144 alloggi su tutto il territorio piemontese. Per interventi straordinari sono stati assegnati altri 1,65 milioni di euro all’ATC Centro e 995.000 euro all’ATC Sud.
Sono state approvate le nuove piante organiche di ATC Piemonte Nord e Sud ed è proseguito l’accompagnamento al processo di efficientamento delle agenzie (sciolta l’unica ATC del Piemonte Sud, ridotte da 5 a 2 quelle del Piemonte centrale).
Via libera alla certificazione dei bilanci delle ATC, prevista da un’intesa del 2015, ed approvazione piano di rientro di ATC Piemonte Nord, che prevede di dilazionare in 30 anni 24 milioni di euro di crediti difficilmente esigibili. Per ATC Piemonte Sud i crediti di difficile esigibilità son circa 6 milioni. Stessa cifra cancellata da crediti passivi per ATC Piemonte Centro, previa revisione interna.

Opposizione
Gruppo Movimento 5 Stelle Piemonte
Gruppo consiliare
Il Gruppo consiliare Movimento 5 Stelle Piemonte è presieduto da Paolo Domenico Mighetti. Francesca Frediani è il vicepresidente. Gli altri consiglieri sono: Gianpaolo Andrissi, Stefania Batzella, Giorgio Bertola, Davide Bono, Mauro Willem Campo e Federico Valletti.
Nina Celli, 05/08/2016

Ad oggi la promessa non è rispettata, se pensiamo che la Giunta Chiamparino si è opposta al consiglio di stato alle associazioni di familiari di anziani non autosufficienti e disabili che chiedevano la copertura sanitaria delle prestazioni tutelati fornite da personale non sanitario.
I finanziamenti nel settore del risparmio energetico in edifici pubblici dovrebbero arrivare dal POR FESR, in particolare per il 2014-2020, dall’Asse prioritario IV “Energia e qualità della vita”, azione destinata alla promozione dell’eco-efficienza e riduzione di consumi di energia primaria negli edifici e strutture pubbliche. Con la programmazione varata da circa un anno e mezzo non abbiamo ancora però avuto un bando che esegua tale misura d’investimento. Situazione peraltro diffusa nelle misure di un POR redatto secondo gli schemi di un’economia ante crisi che non sarà sicuramente volano di crescita per il Piemonte. Per gli edifici privati le poche risorse un tempo disponibili attraverso fondi rotativi sono azzerate.
Non ci risulta che proventi da dismissioni siano stati impegnati in capitoli di bilancio dedicati all’emergenza sociale.

Maggioranza
Marco Grimaldi
Presidente Gruppo Sel-Si Piemonte
Marco Grimaldi nasce a Torino l'8 novembre 1980. L'impegno politico inizia sin dai tempi del liceo e nel 2001 viene eletto senatore degli studenti all'Università degli Studi di Torino. Dal 2001 al 2004 è segretario provinciale della Sinistra giovanile. Nel 2006 diventa consigliere comunale di Torino nella lista Democratici di Sinistra-Ulivo, impegnandosi nei settori legati alla cultura giovanile, alla lotta alle nuove dipendenze e all’ambiente. Nel 2011 viene nuovamente eletto in Consiglio comunale per Sinistra Ecologia Libertà. Nel 2014 è eletto in Consiglio regionale nella lista maggioritaria.
Nina Celli, 14/10/2016

Innanzitutto c’è il tema dell’autorecupero. Io sono tra l’altro il relatore di una legge che consente, ad esempio, di ristrutturare e rendere subito utilizzabili quegli edifici pubblici che hanno bisogno di meno di 7000 euro di lavoro. Abbiamo messo a disposizione per le graduatorie dell’edilizia residenziale pubblica più di 400 alloggi.

Nel merito dei Fondi strutturali c’è una parte dedicata alla riqualificazione energetica del nostro patrimonio edilizio. Qui purtroppo la difficoltà sta nel fatto che ci sono poche imprese piemontesi che vi hanno scommesso. Bisogna evitare che la nostra residenzialità sia comparabile a dei “termosifoni a cielo aperto”. Penso che adesso non si debba mirare a cambiare le termovalvole, ormai obbligatorie, o a installare i doppi vetri, ma avviare un vero progetto, puntando su una sorta di checkup energetico diffuso.

I progetti di cohousing sono molto avanzati. Il problema è che si fermano spesso a livello di progetti dimostrativi o a scarsa diffusione. Ci sono tanti piccoli esempi, ma questa non diventa ancora una modalità diffusa perché, a mio parere, nel campo dovremmo rilanciare quelle che erano negli anni Sessanta e Settanta le cooperative dei lavoratori. Cioè far rivivere il concetto di una residenzialità rivolta più alla collettività. Quindi, se il cohousing rischia di essere una pratica promossa solo dalle istituzioni ma non diffusa e a disposizione di tutti, e se le cooperative si rivelano un sistema di fatto poco al passo con i tempi, bisognerà trovare dei modelli nuovi. Un esempio ci arriva dall’Olanda, dove c’è un progetto che si basa sul diritto di superficie, cioè sull’idea che non vi sia la cessione definitiva di un bene, ma che esso venga ceduto solo per un tot di anni: 30, 50, 90. Il diritto di superficie fa sì che le famiglie investano su un patrimonio che poi ritornerà a essere pubblico, dopo magari due generazioni. Da una parte questo può permettere progetti di cohousing finanziati anche dal pubblico, cioè con dei fondi di garanzia pubblici, e dall’altra può anche riqualificare tantissimo i territori che ospitano dei patrimoni in disuso.

Opposizione
Gruppo Forza Italia Piemonte
Gruppo Forza Italia Piemonte
Il Gruppo Forza Italia della Regione Piemonte è presieduto da Gilberto Pichetto Fratin e Francesco Graglia è il suo vice. Gli altri consiglieri sono: Massimo Berutti, Claudia Porchietto, Daniela Ruffino, Diego Sozzani, Gian Luca Vignale.
Nina Celli, 17/10/2016

L’intervento del Gruppo Forza Italia Piemonte è stato inviato dal portavoce Davide Balena

Promessa: vogliamo far crescere, insieme al privato-sociale e alle imprese private, nuove forme di housing, partendo dai bisogni delle persone e delle famiglie
Commento: chiacchiere senza alcuna azione concreta

Promessa: è […] importante rilanciare gli incentivi al risparmio energetico per gli edifici pubblici e privati
Commento: è importante ma ciò che oggi esiste sul tema degli incentivi non dipende da scelte fatte dalla Giunta attuale

Promessabisogna creare opportunità nuove a partire dalle risorse non utilizzate – come gli edifici pubblici dismessi – sperimentando nuove forme di equità e giustizia
Commento: cioè svendendo il patrimonio pubblico per fare cassa?

Redazione
Redazione PCH
Redazione
Redazione, 10/02/2017

La redazione Promise Checking ha esteso l’invito a intervenire a tutti i gruppi presenti in Consiglio regionale.
Dei gruppi consiliari attualmente non intervenuti in piattaforma, ha accolto l’invito ma non ha ancora inviato il contributo il gruppo Lega Nord Piemonte (presidente Gianna Gancia).

Non hanno ancora dato riscontro circa la volontà d’intervenire i seguenti gruppi consiliari: PD (presidente Davide Gariglio); Moderati (presidente Maria Carla Chiapello); Scelta di rete civica per Chiamparino (presidente Alfredo Monaco).

Ha declinato l’invito a intervenire il gruppo Chiamparino per il Piemonte (presidente Mario Giaccone).