Torna a "Promesse elettorali di Sergio Chiamparino"
Sergio Chiamparino
Presidente Regione Piemonte

Infanzia. Una regione in cui far crescere i propri figli

  • La Regione deve garantire la possibilità di frequentare asili nido”. “Per realizzarlo intendiamo promuovere la creazione di una Cassa comune per l’infanzia, alimentata da amministrazioni, imprese e lavoratori”.
Governo
Sergio Chiamparino
Presidente Regione Piemonte
Sergio Chiamparino nasce a Moncalieri il I settembre 1948 da una famiglia operaia. Si laurea in Scienze Politiche all'università di Torino, dove, fino al 1975, svolge attività di ricerca. Nello stesso anno ha inizio il suo impegno politico nel Comune di Moncalieri nelle fila del PCI. Nel 2001 si presenta alle elezioni comunali di Torino, vincendo al ballottaggio con il 52,8% dei voti. Riconfermato, poi, nel 2006, quando vince al primo turno contro Rocco Buttiglione. Tra il 2012 e il 2014 è presidente della Fondazione bancaria Compagnia di San Paolo, incarico dal quale si dimette per candidarsi alla presidenza della Regione Piemonte. Sergio Chiamparino il 26 maggio 2014 vince le elezioni con quasi il 47% dei voti.
Nina Celli, 10/01/2017

L’intervento del presidente Sergio Chiamparino è stato inviato dalla portavoce Alessandra Gaia Perera

La Regione non ha competenze dirette sugli asili nido, trasferiamo ai Comuni le risorse che ci arrivano dai fondi nazionali. È viceversa cresciuto l’impegno di altre agenzie, come le fondazioni bancarie, nel campo del sostegno alle scuole dell’infanzia.
Sulla cassa comune per l’infanzia abbiamo verificato che non c’è stata disponibilità degli altri soggetti che avrebbero dovuto partecipare alla creazione dell’ente.

Opposizione
Gruppo Movimento 5 Stelle Piemonte
Gruppo consiliare
Il Gruppo consiliare Movimento 5 Stelle Piemonte è presieduto da Paolo Domenico Mighetti. Francesca Frediani è il vicepresidente. Gli altri consiglieri sono: Gianpaolo Andrissi, Stefania Batzella, Giorgio Bertola, Davide Bono, Mauro Willem Campo e Federico Valletti.
Nina Celli, 05/08/2016

Dopo aver chiuso per sempre numerosi punti nascite piemontesi, la Giunta Chiamparino non ha nemmeno tenuto fede alle proprie promesse circa la creazione di una Cassa comune per l’infanzia.

Maggioranza
Marco Grimaldi
Presidente Gruppo Sel-Si Piemonte
Marco Grimaldi nasce a Torino l'8 novembre 1980. L'impegno politico inizia sin dai tempi del liceo e nel 2001 viene eletto senatore degli studenti all'Università degli Studi di Torino. Dal 2001 al 2004 è segretario provinciale della Sinistra giovanile. Nel 2006 diventa consigliere comunale di Torino nella lista Democratici di Sinistra-Ulivo, impegnandosi nei settori legati alla cultura giovanile, alla lotta alle nuove dipendenze e all’ambiente. Nel 2011 viene nuovamente eletto in Consiglio comunale per Sinistra Ecologia Libertà. Nel 2014 è eletto in Consiglio regionale nella lista maggioritaria.
Nina Celli, 14/10/2016

La prima azione compiuta è stata sottrarre il potere di veto alle scuole FISM sull’apertura di nuovi istituti dell’infanzia statali e pubblici. È un paradosso, ma abbiamo aperto la legislatura scoprendo che da anni le scuole paritarie bloccavano l’apertura di alcune nuove sezioni nelle scuole statali. Siamo un Paese nel quale, purtroppo, sia gli asili nido sia l’ex scuola materna, cioè la scuola dell’infanzia, non sono ancora considerati parte della scuola dell’obbligo.
Purtroppo, tutto il lavoro che si può fare per un welfare più aziendale è incentivato, ma sono poche le aziende che investono in tal senso e la verità è che sempre di più, anche in questo settore, iniziano a esserci servizi low-cost. Infatti, l’impegno oggi della Giunta è quello di evitare che ogni Comune, proprio perché in assenza di risorse, inizi ad abbassare la qualità della propria offerta educativa, soprattutto per i più piccoli, dove c’è il rischio di una degenerazione del servizio in semplice assistenza. Si verrebbero altrimenti a creare asili di serie b, con tanta custodia, poca educazione, e rapporti numerici tra insegnanti e alunni alquanto sbilanciati. Questo sta succedendo in molti luoghi: chiamiamoli “baby parking”, o “ludobaby”, chiamiamoli come vogliamo, ma c’è il rischio, soprattutto per la popolazione che non si può permettere i 300-400 euro al mese, che si crei di fatto un sistema educativo di serie b, cosa che, credo, sia da evitare, da scongiurare. Tuttavia penso che il problema non sia legato solo alle risorse pubbliche da trovare. Servono infatti regole e serve un ritorno agli investimenti da parte dello Stato, che non può lasciare le Regioni da sole davanti a una crisi strutturale. Si è parlato mesi fa del “fertility day”, di quanto sia importante per un Paese come il nostro tornare a riflettere sulla crisi demografica. È già dura per una generazione trovare sicurezza e opportunità di lavoro e diventa ancora più difficile se i servizi all’infanzia non sostengono né i congedi parentali né la possibilità delle famiglie di andare a lavorare. Questa è una sfida aperta per la Regione.

Opposizione
Gruppo Forza Italia Piemonte
Gruppo Forza Italia Piemonte
Il Gruppo Forza Italia della Regione Piemonte è presieduto da Gilberto Pichetto Fratin e Francesco Graglia è il suo vice. Gli altri consiglieri sono: Massimo Berutti, Claudia Porchietto, Daniela Ruffino, Diego Sozzani, Gian Luca Vignale.
Nina Celli, 17/10/2016

L’intervento del Gruppo Forza Italia Piemonte è stato inviato dal portavoce Davide Balena

Promessa: la Regione deve garantire la possibilità di frequentare asili nido”. “Per realizzarlo intendiamo promuovere la creazione di una Cassa comune per l’infanzia, alimentata da amministrazioni, imprese e lavoratori
Commento: Niente di tutto ciò, non sono stati fatti investimenti per le sezioni primavera che la Giunta di centrodestra aveva promosso e ad oggi, mandare il proprio bambino al nido rimane un sacrificio economico non alla portata di tutti

Redazione
Redazione PCH
Redazione
Redazione, 10/02/2017

La redazione Promise Checking ha esteso l’invito a intervenire a tutti i gruppi presenti in Consiglio regionale.
Dei gruppi consiliari attualmente non intervenuti in piattaforma, ha accolto l’invito ma non ha ancora inviato il contributo il gruppo Lega Nord Piemonte (presidente Gianna Gancia).

Non hanno ancora dato riscontro circa la volontà d’intervenire i seguenti gruppi consiliari: PD (presidente Davide Gariglio); Moderati (presidente Maria Carla Chiapello); Scelta di rete civica per Chiamparino (presidente Alfredo Monaco).

Ha declinato l’invito a intervenire il gruppo Chiamparino per il Piemonte (presidente Mario Giaccone).