Torna a "Promesse elettorali di Giovanni Toti"
Giovanni Toti
Presidente Regione Liguria

La Regione nel contesto Nazionale ed Internazionale – Relazioni con le autonomie territoriali e locali

  • Sviluppo di rapporti istituzionali nazionali ed internazionali a supporto dello sviluppo economico;
  • Sviluppo della collaborazione e della cooperazione tra le Regioni, il Governo Nazionale e Europa al fine di realizzare le grandi opere infrastrutturali indispensabili per la competitività della Liguria, e più in generale del Nord Italia, rispetto alle concorrenti direttrici Nord europee;
  • Nuova Normativa in tema di Gestioni Associate.
Governo
Giovanni Toti
Presidente Regione Liguria
Giovanni Toti nasce a Viareggio il 7 settembre 1968. Si laurea all’Università Statale di Milano in Scienze politiche e subito dopo intraprende la carriera giornalistica. Nel 2006 diventa giornalista professionista ed entra a far parte di Videonews. Nel 2010 viene nominato direttore di Studio Aperto e nel 2012 del Tg4. Nel 2014 diventa eurodputato per Forza Italia e nel 2015 vince le elezioni regionali in Liguria a capo della coalizione di centro - destra.
Nina Celli, 23/12/2016

L’intervento del presidente Giovanni Toti è stato inviato dal portavoce Alessandro Turano

  • All’inizio di marzo 2016 una delegazione ligure guidata dal Presidente Giovanni Toti e dall’assessore allo sviluppo economico Edoardo Rixi è stata in Russia in missione istituzionale per rinsaldare i rapporti commerciali tra la Liguria e la Russia e individuare nuove possibilità di scambio e investimento.
  • il 9 aprile del 2016 è stato firmato a Novara un protocollo di intesa tra Liguria, Lombardia e Piemonte che istituisce una cabina di regia del Nord Ovest sulla logistica e le grandi opere.

 

Maggioranza
Alessandro Piana
Presidente Gruppo Lega Nord Liguria - Salvini
Alessandro Piana nasce a Imperia il 9 maggio 1972. È un imprenditore agricolo e agrotecnico. Dal 2005 al 2009 ricopre, per la Lega Nord, le cariche di consigliere comunale di Pontedassio e della Comunità Montana dell’Olivo. Viene rieletto nel Comune di Pontedassio nel 2009, come assessore ai Lavori pubblici e Urbanistica. Dal 2010 al 2015 è Presidente del Consiglio provinciale di Imperia e da 2014 vicesindaco di Pontedassio. Nel maggio dell’anno seguente diviene consigliere regionale della Lega Nord nella circoscrizione di Imperia.
Alessandro De Sanctis, 20/12/2016

Si stanno infittendo rispetto al passato i rapporti collaborativi con le regioni confinanti.  La Liguria è un territorio, dal punto di vista geografico, molto lungo e stretto sul mare, con alle spalle gli Appennini e le Alpi marittime, dunque alquanto chiuso. Pertanto, aumentare le collaborazioni con Piemonte, Lombardia ed Emilia – Romagna per la rete infrastrutturale, potrà permettere uno sviluppo definitivo alla nostra regione, che in passato ha patito la carenza di reti viarie. Questo renderebbe la Liguria più fruibile sul piano turistico e darebbe maggiore spinta in primis al porto di Genova, tra i maggiori scali commerciali d’Europa, ma anche a quelli di Savona e La Spezia. Con la costruzione dei valici appenninici e alpini, i porti liguri si aprirebbero alla Pianura Padana e al cuore dell’Europa. Per quanto riguarda i rapporti economici con altri Stati, sottolineo non solo l’ottima collaborazione con i vicini francesi, ma anche il mio recente viaggio in Crimea, dove sono stato invitato a spese di un consorzio istituzionale di imprenditori e ho promosso lo sviluppo della Liguria, in particolare nei settori turistico, enogastronomico, agroalimentare e crocieristico.

Per quanto riguarda le relazioni con le autonomie territoriali siamo costretti ad interfacciarci con quella che è una realtà normativa ed amministrativa stravolta negli ultimi anni. Pensiamo, ad esempio, alle Province che di fatto sono diventate enti di secondo livello, con la componente politica non più eletta a suffragio universale, ma attraverso nomina degli amministratori. Questi enti, utili perché vicini alle esigenze del territorio, hanno inoltre subito forti tagli e sono state ridimensionate a livello di deleghe, la maggior parte delle quali sono state affidate alle Regioni. La copertura finanziaria, però, non è sufficiente alle Regioni per far fronte a tutte queste nuove deleghe.

Redazione
Redazione PCH
Redazione
Redazione, 10/02/2017

I consiglieri del Gruppo M5S Liguria, pur avendo rilasciato l’intervista, non sono intervenuti in questo specifico ambito.

La redazione Promise Checking ha esteso l’invito a intervenire a tutti i gruppi presenti in Consiglio regionale.
Dei gruppi consiliari attualmente non intervenuti in piattaforma, hanno accolto l’invito ma non hanno ancora inviato il loro contributo i seguenti gruppi: PD (presidente Raffaella Paita); Forza Italia (presidente Angelo Vaccarezza); Giovanni Toti Liguria (presidente Laura Lauro).

Non ha ancora dato riscontro circa la volontà d’intervenire il gruppo consiliare Rete a Sinistra (presidente Giovanni Battista Pastorino).

Hanno declinato l’invito a intervenire il Gruppo Misto Liguria Popolare (presidente Andrea Costa) e Fratelli d’Italia – Alleanza Nazionale (presidente Matteo Rosso).