Torna a "Promesse elettorali di Nicola Zingaretti"
Nicola Zingaretti
Presidente Regione Lazio

La Regione che protegge: le politiche sociali

-Vogliamo dare vita a un “Patto per l’innovazione del welfare” con le organizzazioni del volontariato, dell’associazionismo, della cooperazione sociale e dei sindacati;
– Rivedere il sistema informativo dei servizi sociali, nell’ambito di un più generale progetto di agenda digitale […] rivedendo i criteri di accreditamento delle strutture sociali;
– Il Piano Regolatore Sociale del Lazio  […] rimetterà al centro della sua azione il compito di programmazione della Regione e dovrà verificare l’effettiva capacità di analisi dello stato sociale del territorio;
– Ci impegniamo a una profonda revisione della legge regionale del volontariato;
Realizzare l’integrazione sociosanitaria: Occorre dare attuazione alle norme della Legge n. 328/2000 che ha individuato nel Piano di Zona non solo lo strumento fondamentale e obbligatorio per la definizione del sistema integrato degli interventi e dei servizi sociali, ma anche lo strumento primario di attuazione della rete dei servizi sociali e di integrazione socio-sanitaria;
Promuovere l’inclusione e rispondere al bisogno: La Regione promuoverà forme di coordinamento con associazioni e operatori sociali no-profit che.

  • La disabilità nel cuore della Regione
    – Ci impegneremo per: il diritto all’educazione; il diritto al lavoro, attraverso l’attuazione della Legge regionale sull’occupazione delle persone con disabilità del 2009; il diritto alla casa; il diritto alla mobilità; il diritto al tempo libero e all’accesso alla cultura.
    Una Regione per la dignità, oltre la reclusione: ammodernamento delle attrezzature e degli strumenti sanitari nelle strutture interne agli istituti penitenziari; adeguando gli organici […] alle reali esigenze degli istituti;
    – Dovremo prevedere interventi specifici per la formazione del personale e stanziare fondi destinati a progetti di assistenza. Come previsto dal Dpcm del 1° aprile 2008, i farmaci di “fascia A” dovranno essere a carico della Regione e non dei detenuti;
    – È necessario dare applicazione alla legge n. 62/2011 che riguarda le madri detenute con figli da 0 a 6 anni […] devono essere istituite case famiglia protette nel territorio regionale per accogliere le madri condannate;
    – Concentreremo i nostri sforzi sull’obbiettivo della formazione e del reinserimento dei detenuti.• La convivenza interculturale
    – Vogliamo lavorare per: un piano regionale per l’immigrazione e un programma sui rifugiati attraverso i quali attuare una progettazione organica triennale, con aggiornamenti annuali, delle azioni e degli interventi a favore dei processi di integrazione dei cittadini immigrati; l’istituzione del garante per i diritti dei Rifugiati; valorizzazione del profilo professionale dei mediatori interculturali […]; realizzazione sul territorio di Centri Interculturali; avvio di progetti di cooperazione internazionale con il coinvolgimento delle comunità migranti presenti nel Lazio.
  • Lo sport di cittadinanza
    – Favorire l’integrazione delle politiche per lo sport con quelle socio-sanitarie;
    – Costituzione di un organo consultivo della Giunta, che coinvolgerà i maggiori attori del settore, e con l’indizione ogni due anni di una Conferenza regionale dello sport;
    – Stabilire i raccordi con Piano Sanitario Regionale per la tutela sanitaria della pratica sportiva, con le politiche sociali, del turismo, dell’urbanistica e dell’ambiente;
    – La Regione promuoverà in particolare le associazioni che incentivino la partecipazione attiva delle persone in difficoltà socio-economica e con disabilità, e quelle che attuino progetti educativi contro l’intolleranza, il razzismo e la discriminazione culturale e di genere;
    – Promozione delle attività motorie e sportive nelle scuole, d’intesa con l’Ufficio Scolastico Regionale.
Governo
Nicola Zingaretti
Presidente Regione Lazio
Nicola Zingaretti nasce a Roma l’11 ottobre 1965. Nel 2000 è segretario dei Democratici di Sinistra della capitale. Nel 2004 con 213.000 voti viene eletto al Parlamento Europeo e alla presidenza della delegazione italiana del Partito Socialista Europeo. Nel 2007 vince le primarie, con 85,31% delle preferenze e 282.00 voti, e diventa Segretario del Partito Democratico nel Lazio e il 23 aprile dell’anno successivo diventa Presidente della Provincia di Roma. Il 24 e 25 febbraio 2013 si tengono le Elezioni regionali del Lazio e Nicola Zingaretti, a capo della coalizione di centro – sinistra, vince al primo turno, conquistando 28 seggi con il 40,65% delle preferenze e 1.330.398 voti.
Pierpaolo De Mejo, 28/10/2016

L’intervista è stata rilasciata dal consigliere Riccardo Valentini, in qualità di portavoce del governo Zingaretti. Riccardo Valentini, nato l’11 dicembre 1959 a Tuscania (VT), è componente del Comitato per i mutamenti climatici, che ha ricevuto il premio nel 2007, insieme all’ex vicepresidente americano Al Gore e ricercatore presso l’Università della Tuscia. È vicepresidente della VIII Commissione – Agricoltura, artigianato, commercio, formazione professionale, innovazione, lavoro, piccola e media impresa, ricerca e sviluppo economico; componente della II Commissione – Affari comunitari e internazionali, cooperazione tra i popoli e tutela dei consumatori e della Giunta per il regolamento.
A premessa degli interventi, il consigliere Valentini ha dichiarato: “Quando ci siamo candidati per governare la Regione Lazio sapevamo che la situazione era difficile e le sfide che avevamo davanti apparivano proibitive. Ma avevamo la convinzione che cambiando tutto avremmo potuto riaccendere i motori dell’economia nella nostra regione e migliorare i servizi alle persone. Fin dal primo momento, quindi, ci siamo messi al lavoro per dimostrare che il Lazio può cambiare in meglio”.

Abbiamo messo in campo un piano innovativo per il welfare. Con “Tempi di Vita” lanciamo un programma straordinario da 291 milioni di euro tra risorse regionali, statali e fondi europei. Un intervento che si tradurrà in un complesso articolato di azioni di contrasto alla povertà, di sostegno all’infanzia, alla terza età, allo sviluppo delle attività legate alla pratica sportiva…
Seguendo le promesse fatte durante la campagna elettorale, abbiamo introdotto una serie di provvedimenti per la tutela dei diritti di tutti. La Regione Lazio è la prima in Italia ad aver istituito la figura di un Garante per i diritti dei rifugiati e di tutte quelle persone che necessitano di protezione internazionale.

Opposizione
Davide Barillari
Consigliere M5S Lazio
Nato a Milano il 26 febbraio 1974, Davide Barillari è stato eletto consigliere regionale del Gruppo M5S nelle elezioni del 24-25 febbraio 2013. È componente della III Commissione - Vigilanza sul Pluralismo dell'Informazione e della VII Commissione - Politiche Sociali e Salute.
Pierpaolo De Mejo, 03/08/2016

La formazione è un business che è in mano a ciò che è rimasto di SEL-Sinistra Italiana. In questo settore, Massimiliano Smeriglio, vicepresidente della Regione, si è attivato molto ma non sappiamo con quali scopi. Ogni volta che si parla di formazione, intervengono quei due, tre consiglieri con emendamenti, progetti, essendo anche questo un terreno di conquista elettorale.
La Regione ha pochissime competenze sulla formazione, se non su alcuni corsi che prevedono la ricollocazione dei lavoratori licenziati. Questo anche perché la formazione è di competenza nazionale. Ma comunque, anche su questo aspetto, la giunta Zingaretti non ha ottenuto quel che poteva riuscire a ottenere. Sul welfare giovani, è una legge che è rimasta in discussione oltre un anno.
Abbiamo fatto centinaia di audizioni con tutte le parti sociali, e ne è uscita una legge quadro con una settantina di articoli in cui ci sono tantissimi bei enunciati: politiche a favore dei giovani, degli anziani, dei disabili, principi assolutamente condivisibili. Io ho presentato in commissione duecento emendamenti di merito proprio per cercare di andare a concretizzare questi principi – far partecipare gli anziani a una vita sociale collettiva, ad esempio –, emendamenti che sono stato tutti bocciati.
Quando si parla di enunciazioni, la giunta Zingaretti fa bellissime leggi, ma quando si passa alle proposte per l’attuazione, queste vengono puntualmente bocciate. Dunque questa legge si è rivelata una scatola vuota in cui è mancata l’applicazione, la volontà di confrontarsi su un tema così importante. Abbiamo trovato solo un muro e una porta chiusa su tutte le proposte.

Maggioranza
Michele Baldi
Presidente Gruppo Lista civica “Nicola Zingaretti”
Nato a Roma il 24 luglio 1954, eletto Consigliere regionale del Lazio nelle elezioni del 2013 e Capogruppo della Lista civica “Nicola Zingaretti”. È membro della Commissione consiliare Affari Comunitari e Internazionali, Cooperazione tra i Popoli e Tutela dei Consumatori, della Commissione consiliare Cultura, Diritto allo Studio, Istruzione, Pari Opportunità, Politiche Giovanili, Spettacolo, Sport e Turismo e della Commissione consiliare speciale sulle infiltrazioni mafiose e sulla criminalità organizzata nel territorio regionale.
Pierpaolo De Mejo, 22/09/2016

La nostra più importante promessa rispettata in questo campo riguarda l’approvazione di una legge di riforma dei servizi sociali attesa da 16 anni. Doveva essere recepita dalle regioni nel 1999, ma il Lazio non l’aveva mai fatto. E’ incredibile che nessuno ci fosse mai riuscito prima! Noi lo abbiamo fatto mettendo al centro delle nostre politiche la Persona e soprattutto chi ha più bisogno: 78 milioni per servizi alle famiglie, apertura di nuovi asili nido, buoni per pagare la retta dell’asilo, buoni-servizio per favorire l’accesso ai servizi di cura per anziani over 75, iniziative di promozione dell’inclusione sociale tramite lo sport e iniziative per il contrasto della povertà.

Opposizione
Fabrizio Santori
Consigliere Fratelli d'Italia Lazio
Nato a Roma il 21 marzo 1976, appartiene al gruppo consiliare Fratelli d’Italia. È membro delle seguenti commissioni: VI Commissione - Ambiente, Lavori Pubblici, Mobilità, Politiche della casa e Urbanistica; I Commissione - Affari Costituzionali e Statutari, Affari Istituzionali, Enti Locali e Risorse Umane, Federalismo Fiscale, Sicurezza, Integrazione Sociale e Lotta alla Criminalità; Commissione consiliare speciale sulle Infiltrazioni mafiose e sulla Criminalità organizzata nel territorio regionale.
Pierpaolo De Mejo, 20/01/2017

Anche in questo caso sono i fatti a smentire le promesse di Zingaretti: non si ricordano interventi di rilievo che abbiano effettivamente accorciato il divario tra le classi sociali.

Redazione
Redazione PCH
Redazione
Redazione, 10/02/2017

La redazione Promise Checking ha esteso l’invito a intervenire a tutti i gruppi presenti in Consiglio regionale.
Dei gruppi consiliari della Regione Lazio i seguenti, al momento, non sono ancora intervenuti: Forza Italia (presidente Antonio Aurigemma); Gruppo Misto (presidente Pietro Sbardella); Centro Democratico (presidente Piero Petrassi); La Destra (presidente Francesco Storace); Lista Civica Bongiorno – Obiettivo Lazio (presidente Marino Fardelli); Lista Storace (presidente Olimpia Tarzia); PSI per Zingaretti (presidente Daniele Fichera); Sinistra Italiana-Sinistra Ecologia Libertà (SI-SEL) (presidente Gino De Paolis); Cuoritaliani (presidente Daniele Sabatini).