Torna a "Promesse elettorali di Luciano D’Alfonso"
Luciano D'Alfonso
Presidente Regione Abruzzo

L’Abruzzo vale una promozione turistica e culturale europea

a. Una grande politica del turismo in Abruzzo

Il turismo in Abruzzo ha bisogno di un adeguato Piano Strutturale ed Infrastrutturale. Vogliamo iniziare dall’istituire una governance forte e necessaria nel settore turistico che punti a:

  • dare piena attuazione al Piano Marketing regionale […];
  • confermare ed ulteriormente incentivare lo sviluppo delle DMC e delle PMC con la creazione di un Tavolo di coordinamento regionale (presso l’Assessorato) di tutti i Presidenti delle DMC e PMC per la definizione di tutte le politiche turistiche regionali;
  • attuare concretamente le regole di comunicazione legate al Brand Italia (Italia/Abruzzo/Territorio);
  • cambiare la legge 74 adeguata al nuovo asset (DMC/PMC).

In assenza fino ad oggi di una promozione coordinata del “Sistema Abruzzo” pensiamo di:

  1. progettare una promozione razionale utilizzando le PMC e le DMC;
  2. attuare una strategia digitale per il Turismo usufruendo delle nuove professionalità dei giovani ancora disoccupati formandoli adeguatamente sui nuovi sistemi di comunicazione;
  3. supportare la creazione di una vera e propria “Direzione commerciale” che si occupi di definire le priorità e sviluppare i prodotti chiave;
  4. creare uno staff specializzato nella comunicazione e nelle public relations anche con gli Istituti professionali per il Turismo e le Università abruzzesi;
  5. sostenere la crescita ed il miglioramento dei canali di vendita digitali.

Le iniziative che intendiamo realizzare per rilanciare la vocazione turistica del territorio abruzzese sono suddivisibili nei macro temi seguenti:

  1. sviluppo della costa abruzzese. Mettere in rete tutti i porti della costa regionale con battelli che realizzino, da giugno a settembre, delle mini-crociere (anche con degustazioni a bordo). Implementazione del progetto di pista ciclabile regionale lungo i 133 km della costa abruzzese;
  2. bacini fluviali. Promuovere il piano regionale sulla fruibilità turistica dei bacini fluviali. Si intenderà progettare un’armatura di piste ciclabili che dalla costa possano dirigersi sulle aste fluviali;
  3. sviluppo della montagna invernale e estiva.

Per i grandi investimenti proporremo la:

  • realizzazione di lavori di allungamento della banchina e lavori complementari per poter rendere il Porto di Pescara/ Ortona/Vasto un vero attracco per navi di crociera passeggeri;
  • realizzazione di un collegamento veloce su rotaia fra Pescara e Roma;
  • portare il collegamento TAV sul tratto ferroviario Nord-Sud da Bologna, a Pescara, a Bari. Allungamento della pista di atterraggio e creazione di nuovi parcheggi aeromobili presso l’Aeroporto d’Abruzzo.

b. Turismo e piccoli comuni

Interventi veloci e a basso costo locali:

  • benvenuta pro loco: costituire e dare spazio alle pro loco e alla loro programmazione […];
  • comune a porte aperte: creare giornate itineranti a porte aperte per la conoscenza e la fruibilità del micro-territorio combinando arte, storia, natura ed enogastronomia […];
  • bentornata primavera: con il ritorno della primavera e sulla scia dei movimenti ambientalisti, organizzare giornate di volontariato, per la pulizia di strade, parchi, sentieri abbandonati, spiaggia, bosco, aree comuni all’aperto, ecc. coinvolgendo tutta la comunità;
  • sopralluogo: contattare tutte le strutture ricettive del comune per organizzare un giorno di sopralluoghi da parte dei responsabili dell’offerta turistica locale […];
  • tour educativo: […] instaurare collaborazioni con soggetti pubblici e privati […];
  • social marketing e web marketing: innovare e migliorare i servizi di assistenza e informazione attraverso le nuove tecnologie è un’attività da mettere in programma tra le prioritarie;
  • progetto grafico: realizzare documenti riassuntivi a basso costo che contengano informazioni e numeri utili, mappa, descrizioni servizi e attrattive turistiche con brevi testi (bilingue) e foto necessari al turista;
  • team: potenziare durante l’alta stagione gli Uffici Turistici (o InfoPoint) con un team selezionato di giovani motivati e che conoscano lingue straniere […];
  • comune ovunque: partecipare attivamente alle fiere di settore per target di prodotto offerto in Italia, in Europa e nel Mondo. Aderire a varie iniziative locali di commercializzazione turistica o eventi organizzati dalla Provincia, dalla Regione o dalle associazioni di categoria. Integrare la visibilità sul web attraverso l’inserimento a portali specifici.

c. Valorizzazione del patrimonio storico e culturale

  • Dotazione di un sistema museale regionale, pianificando la condivisione dei servizi museali tra i vari enti;
  • favorire la convergenza d’interessi tra mondo dell’imprenditoria e quello della creatività, della ricerca e dell’innovazione;
  • valorizzazione delle realtà culturali che operano dal basso, previo un censimento delle produzioni qualitativamente rilevanti sul territorio;
  • bisogna sottolineare che le industrie creative hanno la capacità di arrestare il declino economico. Questo può essere fatto rafforzando la dimensione culturale nella pianificazione regionale, redigendo dei database sulle industrie culturali e coinvolgendo le istituzioni culturali e gli operatori locali nei processi di governance del territorio, includendo la cultura e la creatività nello sviluppo della Regione;
  • per rivitalizzare il territorio e per dotarlo di un patrimonio artistico e culturale importante ai fini di una maggiore qualità degli spazi pubblici, si auspica il ricorso alla legge detta “del 2%” legge del 29 luglio 1949, n.717, intitolata Norme per l’arte negli edifici pubblici;
  • inserire l’arte negli spazi pubblici come premessa per la creazione di un Museo diffuso regionale

Coerentemente con quanto previsto dai programmi della Comunità Europea per la costruzione e lo sviluppo delle Reti Transeuropee TEN (Trans-European Network) per gli Stati membri dell’Unione Europea, nei prossimi anni i progetti convergeranno sul Progetto di Corridoio Adriatico […]

  • Per questo motivo la Regione Abruzzo intenderà sviluppare un programma di attività (mostre, conferenze, dibattiti, progetti di scambio ecc.) sul tema del legame culturale che proprio attraverso il mare si è costruito […];
  • sarà importante la valorizzazione dell’entroterra abruzzese e in particolare del patrimonio storico e ambientale legato ai percorsi eremitici tipici della cultura religiosa in Abruzzo, che potrebbero rientrare a pieno titolo ad incrementare i 45 siti italiani già riconosciuti dall’Unesco come Patrimonio dell’Umanità;
  • una logica di promozione turistico-culturale, nazionale e internazionale, attraverso la creazione di circuiti europei ed adriatico-mediterranei ad esempio con la regione della Tessaglia in Grecia o con quella spalatino-dalmata in Croazia.

d. Politiche per la cultura e la creatività

  • La pianificazione culturale intende l’intervento degli operatori pubblici, in collaborazione spesso col privato, come un’azione complessa e programmata […] Bisogna quindi uscire dalla logica del sussidio per intervenire con veri e propri investimenti.

e. Abruzzo Film Commission

  • Nell’ottica di sviluppo economico-occupazionale nonché di valorizzazione del patrimonio artistico culturale della Regione Abruzzo si inserisce la costituzione ex-novo della Fondazione “Abruzzo Film Commission”;

Valorizzazione Territorio

  • Realizzazione di una banca dati attraverso relazioni dirette con: Comuni, Sovrintendenza Beni Culturali, attività commerciali e proprietà private[…] La banca dati sarà costantemente aggiornata, e risulterà consultabile on-line anche in lingua inglese, francese, tedesca e spagnola.

Occupazione

  • Realizzazione banca dati operativa delle figure professionali e generiche presenti nella Regione anche attraverso la collaborazione di Camere di Commercio, INPS ed Enti Previdenziali;
  • generici: verranno reclutati esclusivamente nell’ambito territoriale regionale attraverso appositi casting. L’obiettivo è quello di incrementare l’occupazione regionale attraverso il collocamento ordinario giornaliero retribuito al lordo con € 83 a persona;
  • professionali: verranno individuati attraverso la collaborazione con Enti Previdenziali, C.C.I.A.A. e Scuole di Cinema. (Es. elettricisti, parrucchieri, sarti, fonici, fotografi, grafici, scenografi etc.);
  • imprese: la presenza sul territorio abruzzese delle produzioni comporterà degli evidenti vantaggi economici non solo in termini di presenze turistiche.

Product Placement

  • L’obiettivo precipuo è valorizzare i prodotti locali al fine di favorirne la conoscenza con la massima diffusione;

Promozione e Marketing

  • L’attività di promozione e marketing sarà costante attraverso inserzioni pubblicitarie nelle maggiori pubblicazioni nazionali ed internazionali del settore, con uno stand nei principali festival internazionali del cinema (Cannes, Berlino, Venezia, Locarno);
  • verranno realizzati documentari mirati a far conoscere il potenziale abruzzese per le location e per i servizi tecnici disponibili sul territorio;
  • Dvd e materiale illustrativo verranno presentati ai festival e distribuiti ai produttori, registi e scenografi di cinema e tv;
  • sostegno a festival del cinema che presentino film inediti, costituendo una ulteriore occasione per valorizzare il territorio abruzzese attraverso incontri, relazioni e riconoscimenti onorari per tutti coloro che hanno intrapreso il progetto cinematografico nel territorio.
Redazione
Redazione PCH
Redazione
Redazione, 24/07/2017

Non ci sono commenti da parte del governo regionale per il presente ambito. Restiamo in attesa di futuri interventi.

Opposizione
Giorgio D'Ignazio
Presidente gruppo Nuovo Centro Destra in Consiglio regionale
Nasce a Teramo l'11 Agosto 1965, laureato in Scienze Politiche, scende in politica nel 1999, con l'elezione a Consigliere presso il Comune di Teramo. Rieletto di nuovo nel 2004, ottiene la nomina ad assessore con delega alle Attività Produttive e Politiche Sociali. Alle regionali del 2014, viene eletto consigliere regionale e capogruppo del Nuovo Centro Destra e, successivamente, Consigliere Segretario dell'Ufficio di Presidenza del Consiglio regionale in rappresentanza della minoranza.
Nina Celli, 24/07/2017

L’Abruzzo ha da sempre una profonda vocazione turistica. Potendo beneficiare della presenza sia delle montagne che del mare, con parchi e riserve naturali tra le più importanti d’Italia, la nostra Regione ha fatto dell’accoglienza turistica uno dei suoi punti di forza. Questo patrimonio deve essere però curato e implementato, e se da un lato iniziative come Abruzzo Open Day hanno consentito di mostrare cosa possiamo offrire ai nostri visitatori, dall’altro la “Grande politica del Turismo” segna ancora il passo: lo sviluppo costiero, i porti e le infrastrutture sono ancora a livello progettuale, essendo strettamente legate, tra le altre iniziative, ad un Masterplan che ancora non diviene operativo.

La cultura rappresenta una nota dolente per questa Regione, mancando completamente una programmazione di investimenti, contributi, progetti di valorizzazione e promozione del patrimonio abruzzese. Dopo tre anni di governo, salvo interventi emergenziali relativamente alla concessione di contributi una tantum, il settore arte e cultura inteso complessivamente (musei, mostre, fiere, spettacoli ecc.) risente enormemente della carenza di una progettazione organizzativa e normativa. La “logica del sussidio” permane a scapito di azioni programmate di investimenti e di idee promozionali.

Maggioranza
Pierpaolo Pietrucci
Consigliere del gruppo PD Abruzzo
Nato il 5 maggio 1976, aquilano, è laureato in Giurisprudenza presso l'Università "La Sapienza" di Roma. Dal 2012 è giornalista pubblicista e dal 2014 è consigliere regionale in Abruzzo per il gruppo PD.
Nina Celli, 24/07/2017

Passi in avanti su quello che deve essere l’obiettivo centrale, ovvero la predisposizione di una politica che promuova il marchio Abruzzo nel suo complesso, tanto più urgente alla luce delle calamità naturali che hanno investito la nostra regione di recente. L’attività promozionale va tuttavia abbinata a una più decisa azione programmatoria per una reale integrazione della offerta tra la costa e le aree interne. Urgente in questo senso, e in questo solco, la costituzione della Abruzzo Film Commission, il cui progetto di legge non arriva ancora in cima alla priorità dell’amministrazione regionale. Va migliorata e prestata maggiore attenzione alle opportunità che derivano dal turismo montano, e dalla montagna in generale. Servono criteri di ripartizione delle risorse finanziarie e dei fondi più equi.

Opposizione
Paolo Gatti
vicepresidente del gruppo Forza Italia in Regione Abruzzo
Avvocato, nato a Teramo nel 1975. Nel 1999 scende in politica, con l'elezione a consigliere comunale nella città natale. Sempre nella città di Teramo, alle comunali del 2004 viene nominato assessore. Ricopre ancora l'incarico di assessore, questa volta regionale, in seguito alle nomina avuta alle elezioni del 2008, alle quali si presenta in forza al PDL e risulta il primo degli eletti in Abruzzo per preferenze; primato che rinnova nelle successive regionali (2014), quando si candida con Forza Italia.Successivamente, viene eletto vicepresidente del Consiglio regionale d'Abruzzo in rappresentanza delle minoranze.
Nina Celli, 24/07/2017

La rilettura del programma lascia un sorriso amaro. L’espressione “Mettere in rete tutti i porti della costa regionale con battelli che realizzino, da giugno a settembre, delle mini-crociere (anche con degustazioni a bordo)” è la fotografia esatta del solco profondo tra le favole e la realtà.
Fino a poche settimane fa non esisteva neanche l’assessore al Turismo.

Redazione
Redazione PCH
Redazione
Redazione, 25/07/2017

La redazione Promise Checking ha esteso l’invito a intervenire a tutti i gruppi presenti in Consiglio regionale.
Dei gruppi consiliari attualmente non presenti in piattaforma, ha accolto l’invito ma non ha ancora inviato il contributo, Articolo 1 – Movimento Democratico e Progressista (si attende il contributo del capogruppo e sottosegretario alla Presidenza della Giunta Regionale Mario Mazzocca); M5S (si attende l’intervento della consigliera Sara Marcozzi); Gruppo Misto (si attende l’intervento del presidente Leandro Bracco); Forza Italia (si attendono gli interventi dei consiglieri Gianni Chiodi e Lorenzo Sospiri); Regione Facile (si attendono gli interventi del presidente Lorenzo Berardinetti e del consigliere Alessio Monaco). Si attende, inoltre, l’intervento del consigliere Alberto Balducci del PD.

Non hanno ancora dato riscontro circa la volontà d’intervenire i seguenti gruppi consiliari: Centro Democratico; Abruzzo Civico, Italia dei Valori.

Ha declinato l’invito a intervenire il gruppo Abruzzo Futuro, del presidente Mauro Di Dalmazio.