Torna a "Promesse elettorali di Vincenzo De Luca"
Vincenzo De Luca
Presidente Regione Campania

Napoli Capitale

● Nella nuova Campania che vogliamo, Napoli deve tornare ad essere una grande capitale europea e un motore dello sviluppo di tutto il Sud;
● Palazzo Fuga deve diventare, con fondi europei e investimenti privati, il più grande museo del mondo;
● L’ospedale Cardarelli dovrà essere l’omologo del San Raffaele per il Sud, quale struttura ospedaliera d’avanguardia;
● Il recupero del centro storico di Napoli, patrimonio dell’Unesco ed eccezionale stratificazione di storia e di cultura, è la grande sfida che dobbiamo finalmente vincere, dopo anni di annunci restati inattuati;
● Nella nuova area metropolitana occorre assegnare una valenza prioritaria al risanamento delle periferie, a partire da un intervento pilota in un’area emblematica individuata d’intesa con l’Amministrazione comunale;
● La delocalizzazione degli impianti petroliferi è ormai indifferibile per il rilancio ambientale e produttivo dell’area di Napoli est;
● Con l’approvazione del nuovo Piano Regolatore, il dragaggio e i nuovi terminal, il Porto di Napoli deve tornare a svolgere un ruolo di primo attore della portualità italiana rivolta ai grandi traffici mediterranei ed intercontinentali, ponendo fine al mortificante commissariamento che dura da oltre due anni;
● Il completamento del sistema della metropolitana e l’acquisto di moderni autobus può incentivare l’impiego dei mezzi pubblici di trasporto e ridurre largamente la congestione urbana;
● L’apertura e l’integrazione del piano di Bagnoli con l’area della ex-Nato serve a unificare il programma di risanamento ambientale con i processi di rigenerazione urbana e di rilancio economico di Napoli;
● La promozione della rete può fare di Napoli una moderna città telematica, attraverso il wifi gratuito e la banda ultra-larga disponibile in tutta la città;
● Il San Carlo, il Mercadante e il Trianon, tre poli della grande tradizione e dotazione di teatri della città, devono passare dall’abbandono al rilancio;
● Aprire finalmente il Museo di Totò;
● Protocollo d’intesa Regione- Comune di Napoli per un Concorso internazionale per il recupero culturale e produttivo, con un impegno pubblico-privato, dei grandi contenitori dismessi della città;
● La Regione promuoverà un accordo quadro con il Ministero dei Beni Culturali per fare di Napoli la città della bellezza, dell’arte, della cultura.

Governo
Vincenzo De Luca
Presidente Regione Campania
Vincenzo De Luca nasce l’8 maggio 1949 a Ruvo del Monte (PT). Ricopre per due mandati la carica di sindaco di Salerno, dal 1993 al 2001. Il 31 maggio 2015 De Luca vince le elezioni regionali con il 41,15% dei consensi. Proclamato ufficialmente presidente della Regione Campania il 18 giugno, dopo otto giorni viene sospeso dalla carica in virtù della Legge Severino. Sospensione che dura solo pochi giorni: il 2 luglio, infatti, il Tribunale di Napoli accoglie il ricorso impugnato d’urgenza, dando così a De Luca la possibilità di firmare gli atti e nominare la Giunta.
Nina Celli, 11/10/2016

L’intervento del presidente Vincenzo De Luca è stato inviato dal portavoce Paolo Russo

Promessa: Nella nuova Campania che vogliamo, Napoli deve tornare ad essere una grande capitale europea e un motore dello sviluppo di tutto il Sud.
Commento:
• Intesa con il governo centrale per il programma “Patto per il Sud” con cui sono impegnati € 9.558.244.000,00 per diversi ambiti:
◦ Infrastrutture (anche la tratta metropolitana fino all’aeroporto di Capodichino);
◦ Ambiente (Gestione dei rifiuti – Bonifica della terra dei Fuochi – Tutela idrogeologica);
◦ Sviluppo economico e produttivo (Aerospazio, Agroindustria, Automotive e Cantieristica, Moda e Abbigliamento);
◦ Scuola, Università e Lavoro (Inclusione sociale – ampliamento offerta universitaria – sostegno all’occupazione giovanile);
◦ Turismo e Cultura (creazione del “Distretto Turistico Campano” con cui si intende marcare una maggiore consapevolezza delle connessioni e del rapporto esistente tra accessibilità e mobilità, patrimonio culturale materiale, immateriale e paesaggistico con stanziati 82 Milioni di euro);
◦ Sicurezza e Cultura della Legalità (integrare politiche di contrasto della criminalità con azioni volte al conseguimento di una civile convivenza nelle città).

Promessa: Il recupero del centro storico di Napoli, patrimonio dell’Unesco ed eccezionale stratificazione di storia e di cultura, è la grande sfida che dobbiamo finalmente vincere, dopo anni di annunci restati inattuati.
Commento:
• DGR n.90 del 8.3.2016 individua gli Itinerari culturali da finanziare, tra cui l’Itinerario “Centro Storico di Napoli”. L’azione è finanziata complessivamente con un importo di 6.500.000 di euro;
• DGR 431 del 27 luglio 2016 rimodulando le risorse assegnate con la DGR n.90/2016, individua gli Itinerari culturali per aggregati territoriali e di contenuto, che assumono la forma di distretti culturali evoluti; tra questi l’Itinerario di Napoli e area metropolitana, compresa la valorizzazione dei siti UNESCO Centro Storico di Napoli e Area Archeologica di Pompei, Ercolano e Torre Annunziata. L’azione prevede un finanziamento complessivo di 4 milioni di euro.

Promesse: La delocalizzazione degli impianti petroliferi è ormai indifferibile per il rilancio ambientale e produttivo dell’area di Napoli est; Con l’approvazione del nuovo Piano Regolatore, il dragaggio e i nuovi terminal, il Porto di Napoli deve tornare a svolgere un ruolo di primo attore della portualità italiana rivolta ai grandi traffici mediterranei ed intercontinentali, ponendo fine al mortificante commissariamento che dura da oltre due anni.
Commento:
• In corso di attuazione: DGR 173 del 26/4/2016 approvazione Patto per lo sviluppo della Regione Campania che prevede tra gli interventi strategici la riqualificazione area portuale Napoli Traccia con risorse FSC (0,92 ME) e DGR 469 del 2/8/2016 DGR 483 del 6/9/2016 mantenimento autonomia AP Salerno per 3 anni.

Promessa: Il completamento del sistema della metropolitana e l’acquisto di moderni autobus può incentivare l’impiego dei mezzi pubblici di trasporto e ridurre largamente la congestione urbana.
Commento:
• In corso di attuazione: DGR 173 del 26/4/2016 approvazione Patto per lo sviluppo della Regione Campania rientra tra gli interventi strategici e vi sono 300 ME risorse FSC; DGR 270 del 14/6/2016;
• È un Grande Progetto il cui soggetto attuatore è il Comune di Napoli. Sono in corso le attività per la realizzazione del tracciato che passa per il Centro Direzionale, Poggioreale per poi salire verso Capodichino.

Promessa: L’apertura e l’integrazione del piano di Bagnoli con l’area della ex-Nato serve a unificare il programma di risanamento ambientale con i processi di rigenerazione urbana e di rilancio economico di Napoli.
Commento:
• La Legge Regionale n. 6 del 5 aprile 2016 individua le Universiadi quale grande evento strategico della politica regionale in tema di sport e di sviluppo; con successive deliberazioni la Giunta regionale programma le azioni e le attività funzionali alla realizzazione delle Universiadi; tra queste, sono previsti interventi di miglioramento della struttura del Villaggio Olimpico, che sarà realizzato nell’area ex Nato di Bagnoli.

Promessa: La promozione della rete può fare di Napoli una moderna città telematica, attraverso il wi-fi gratuito e la banda ultra-larga disponibile in tutta la città.
Commento:
• DGR 325 del 28 giugno 2016 approva l’Accordo di Programma tra Regione Campania e Ministero dello Sviluppo Economico per lo sviluppo della banda ultra larga sul territorio campano, con un impegno finanziario complessivo di circa 180.000.000 Milione di euro.

Promessa: Il San Carlo, il Mercadante e il Trianon, tre poli della grande tradizione e dotazione di teatri della città, devono passare dall’abbandono al rilancio.
Commento:
• DGR n. 90 del 8.03.2016 approva il POC [Piano Operativo Comunale, NdR], che finanzia, nell’ambito delle azioni previste per le Attività Culturali, con 11 Milioni di euro il Teatro lirico S. Carlo, facendo dell’amministrazione regionale il socio finanziario maggioritario;
• DGR n. 90 del 8.03.2016 approva il POC, che finanzia, nell’ambito delle azioni previste per le Attività Culturali, con 3,7 Meuro il Teatro Mercadante, che ha acquisito lo status di teatro nazionale;
• D.G.R. n. 52 del 15.02.2016 (bilancio gestionale) stanzia per la riapertura del Teatro Trianon €300.000 per i lavori di ristrutturazione e 300.000 per le spese di gestione. Con atti formali è stato nominato il Presidente della Fondazione Trianon e ripristinata l’Assemblea dei Soci.

Promessa: Aprire finalmente il Museo di Totò.
Commento:
• Nel 1996, la Giunta regionale destina gli immobili di sua proprietà di Via dei Vergini – Palazzo dello Spagnuolo – alla realizzazione del museo da dedicare a Totò; nel dicembre dello stesso anno assegna al Comune di Napoli un contributo di 500 milioni di lire per i lavori di ristrutturazione e adeguamento dell’immobile. Nel 1999 l’Associazione Antonio De Curtis (formata dagli eredi dell’attore) e proprietaria dei cimeli e di parte delle testimonianze dell’artista, si impegna, con convenzione sottoscritta tra le parti, a conferire a titolo gratuito tali beni al Comune di Napoli per il costituendo Museo. Nel febbraio 2000, su istanza del Comune di Napoli, la Regione Campania concede in comodato d’uso gratuito, per 25 anni (scadenza il 15.02.2026) la disponibilità degli immobili allo stesso Comune, al fine di istituire, gestire e promuovere un Museo Civico dedicato all’attore, con specifici obblighi di gestione, amministrazione e manutenzione ordinaria/straordinaria dei locali occupati. Allo stato, il museo non è istituito a causa: 1) dei lavori (iniziati nel 1997) non completati per la mancata installazione dell’ascensore (per sopraggiunti problemi condominiali), che deve garantire l’accessibilità a tutti i visitatori e, 2) per la mancata costituzione della Fondazione che dovrà gestire le collezioni museali (il Comune di Napoli avrebbe avviato le procedure per l’istituzione di detta Fondazione).
Convocato incontro per ottobre 2016 dall’Assessore Daniele.
[l’11 ottobre 2016, nell’ambito della conferenza stampa tenutasi a Palazzo San Giacomo, l’assessore Daniele annuncia che il “Maggio dei Monumenti” 2017 sarà dedicato al personaggio di Totò, con il titolo “ ‘O maggio a Totò”, NdR].

Redazione
Redazione PCH
Redazione
Redazione, 10/02/2017

Il capogruppo della Lista Caldoro Presidente e il Gruppo Partito Democratico Campania, pur avendo rilasciato le interviste, non sono intervenuti in questo specifico ambito.

La redazione Promise Checking ha esteso l’invito a intervenire a tutti i gruppi presenti in Consiglio regionale.
Dei gruppi consiliari attualmente non presenti in piattaforma, hanno accolto l’invito ma non hanno ancora inviato il loro contributo i seguenti gruppi: Campania Libera – PSI – Davvero verdi (presidente Francesco Emilio Borrelli); De Luca presidente in rete (presidente Carmine De Pascale); Fratelli d’Italia (presidente Alberico Gambino).

Non hanno ancora dato riscontro circa la volontà d’intervenire i seguenti gruppi consiliari: Forza Italia (presidente Armando Cesàro); UDC (presidente Maria Ricchiuti); Gruppo Misto (sono stati contattati il presidente Francesco Moxedano e il consigliere Pasquale Sommese).

Ha declinato l’invito a intervenire il gruppo Centro Democratico – Scelta Civica (presidente Giovanni Zannini).