Torna a "Promesse elettorali di Vincenzo De Luca"
Vincenzo De Luca
Presidente Regione Campania

Politiche Sociali

● La nuova Campania parte dai bambini. Subito un piano straordinario di 200 asili nido per un primato di civiltà su scala nazionale;
● Ricostituzione del fondo per la disabilità, per il rispetto dovuto innanzitutto ai più svantaggiati;
● Un programma di “residenze sociali diffuse”, per un’accoglienza moderna e civile degli anziani soli;
● Ripristino del fondo regionale per le politiche sociali a favore delle persona in grave condizione di disagio;
● Piena ed attiva collaborazione con la straordinaria rete del volontariato campano, attore primario di una nuova stagione che metta la persona al centro delle politiche regionali;
● Rilancio dei piani di zona, per una nuova stagione di solidarietà effettiva e di contrasto alle povertà;
● Politiche attive per sostituire il circuito perverso di degrado-disoccupazione-devianze sociali con un ciclo virtuoso di riqualificazione urbana-umanizzazione delle periferie-sviluppo-lavoro;
● Affermare nell’azione amministrativa e nelle relazioni sociali un giusto equilibrio fra cultura dell’accoglienza e dell’inclusione ed il rigoroso rispetto delle regole di un’ordinata e serena convivenza civile;
● Adozione di una convenzione quadro con l’Agenzia nazionale dei beni confiscati, per la concessione in uso di locali, spazi e strutture sottratte alla camorra ad associazioni di volontariato e imprese solidali;
● Attivazione di un fondo di garanzia per investimenti pubblico-privati nel campo dell’impiantistica sportiva;
● Sostegno ai Comuni per il recupero di spazi pubblici per finalità di micro-impiantistica sportiva di base.

Governo
Vincenzo De Luca
Presidente Regione Campania
Vincenzo De Luca nasce l’8 maggio 1949 a Ruvo del Monte (PT). Ricopre per due mandati la carica di sindaco di Salerno, dal 1993 al 2001. Il 31 maggio 2015 De Luca vince le elezioni regionali con il 41,15% dei consensi. Proclamato ufficialmente presidente della Regione Campania il 18 giugno, dopo otto giorni viene sospeso dalla carica in virtù della Legge Severino. Sospensione che dura solo pochi giorni: il 2 luglio, infatti, il Tribunale di Napoli accoglie il ricorso impugnato d’urgenza, dando così a De Luca la possibilità di firmare gli atti e nominare la Giunta.
Nina Celli, 11/10/2016

L’intervento del presidente Vincenzo De Luca è stato inviato dal portavoce Paolo Russo

Riferimenti e strutture competenti:
Assessore Fortini;
UDCP: Ufficio di Interfaccia con il Dipartimento dell’Istruzione, della Ricerca, del Lavoro, delle Politiche Culturali e delle Politiche Sociali – dott. Salvatore Russo;
Dipartimento dell’Istruzione, della Ricerca, del Lavoro, delle Politiche Culturali e delle Politiche Sociali – prof. Antonio Oddati;
Direzione Generale per le Politiche Sociali, le Politiche Culturali, le Pari Opportunità e il Tempo Libero – dott.ssa Rosanna Romano.

Promessa: La nuova Campania parte dai bambini. Subito un piano straordinario di 200 asili nido per un primato di civiltà su scala nazionale
Commento:
• La DGR 119 del 22 marzo 2016 programma risorse del POR FESR [Programma Operativo Regionale Fondi Europei di Sviluppo, NdR] per azioni di sostegno: 1) alle famiglie, attraverso l’assegnazione di voucher per nidi ed asili nido per un importo di € 6.821.100,00; 2) alla qualificazione dei servizi e delle infrastrutture di cura socio-educativi rivolti ai bambini, dei servizi di cura rivolti a persone con limitazioni dell’autonomia e al potenziamento della rete infrastrutturale e dell’offerta di servizi sanitari e sociosanitari territoriali per un importo di € 50.000.000,00; 3) al rafforzamento del sistema di governance degli Ambiti Territoriale per un importo di €. 1.500.000,00;
• La DGR 460 del 2/8/2016 “Progetto pilota ambito territoriale S5. Azioni regionali atte a migliorare la qualità della vita delle famiglie con carichi di cura a favore di minori” destina ulteriori risorse per proseguire le azioni del progetto finalizzato a migliorare la qualità della vita delle famiglie con carichi di cura dei minori nell’ottica di raccordo tra i servizi per la prima infanzia (0-36 mesi) e quelli destinati alla scuola primaria dell’infanzia nella fascia 3-6 anni.

Promessa: Ricostituzione del fondo per la disabilità, per il rispetto dovuto innanzitutto ai più svantaggiati
Commento:
• L.R. 3 AGOSTO 2015, n. 9 “Seconda variazione al Bilancio di previsione finanziario per il triennio 2015-2017 della Regione Campania” destina € 14.650.000,00 per i diritti sociali, le politiche sociali e la famiglia;
• DGR n.492 del 21.10.2015 definisce la strategia regionale in materia di politiche per le famiglie e destina € 3.000.000 circa alle famiglie con carichi di cura a favore di minori, anziani non autosufficienti e persone con disabilità;
• DGR 869 del 28 dicembre 2015 approva il Piano sociale regionale 2016-2018, trasmesso successivamente agli Ambiti Territoriali, in cui sono definiti i principi di indirizzo e coordinamento per la programmazione e la realizzazione del sistema integrato di interventi e servizi sociali;
• DD n. 49 del 21 marzo 2016 (in attuazione della DGR 492/2015) adotta il Bando finalizzato al “Supporto ai servizi domiciliari, per migliorare la qualità della vita delle famiglie con carichi di cura a favore di minori, anziani non autosufficienti e persone con disabilità”. Per l’attuazione della misura sono state destinate risorse per complessivi € 2.949.000,00.

Promessa: Ripristino del fondo regionale per le politiche sociali a favore della persona in grave condizione di disagio
Commento:
• DGR 423 del 27 luglio 2016 definisce le modalità attuative per sostenere il diritto allo studio per l’integrazione scolastica degli alunni disabili e per le persone audiolese e videolese; demanda a provvedimenti successivi il piano di riparto delle risorse che saranno assegnate alla Regione Campania;
• DGR n. 204 del 10/05/2016 con cui si approva un primo intervento del Programma “Scuola viva”, finanziato con risorse pari a euro 25.000.000,00 del FSE [Fondo Sociale Europeo, NdR], finalizzato, tra l’altro, a sostenere interventi di inclusione sociale di studenti caratterizzati da particolari fragilità, tra cui anche persone con disabilità;
• DGR n. 420 del 27 luglio 2016 stanzia, nell’ambito dei 60 Meuro complessivi, 5 Meuro per l’attivazione di percorsi lavorativi presso Pubbliche Amministrazioni per ex percettori di ammortizzatori sociali di età superiore ai 60 anni privi di sostegno al reddito, per favorire la permanenza nel modo del lavoro, in attività di pubblica utilità.

Promessa: Piena ed attiva collaborazione con la straordinaria rete del volontariato campano, attore primario di una nuova stagione che metta la persona al centro delle politiche regionali
Commento:
• DGR 247 del 7.06.2016 definisce i criteri per l’assegnazione dei mezzi e delle attrezzature acquistati per il potenziamento della colonna mobile regionale di protezione civile;
• DD 585 del 11.07.2016 con cui, in attuazione della DGR 247/2016, viene emanato il “Bando per l’assegnazione in comodato d’uso gratuito di mezzi e attrezzature alle Organizzazioni di volontariato di protezione civile della Campania”;
• DPGR n. 245 del 03-12-2015, confermato con DGR 81 del 8 marzo 2016, provvede all’insediamento del “Comitato regionale di volontariato di Protezione Civile”.

Promessa: Rilancio dei piani di zona, per una nuova stagione di solidarietà effettiva e di contrasto alle povertà
Commento:
• Da nominare i membri regionali nel Comitato di gestione del fondo speciale per il volontariato;
• DGR 869 del 29/12/2015 approva il Piano di Zona, in cui sono definiti i principi di indirizzo e coordinamento per la programmazione e la realizzazione del sistema integrato di interventi e servizi sociali;
• Al via dal 2 settembre la possibilità di presentare al proprio comune di residenza, la richiesta per il “Sostegno per l’Inclusione Attiva (SIA)”: misura di contrasto alla povertà che prevede l’erogazione di un sussidio economico alle famiglie in condizioni economiche disagiate nelle quali almeno un componente sia minorenne oppure sia presente un figlio disabile o una donna in stato di gravidanza accertata.

Promessa: Politiche attive per sostituire il circuito perverso di degrado-disoccupazione-devianze sociali con un ciclo virtuoso di riqualificazione urbana-umanizzazione delle periferie-sviluppo-lavoro
Commento:
• DGR n. 420 del 27 luglio 2016 programma risorse per il piano di formazione-lavoro per ex percettori di ammortizzatori sociali ordinari e straordinari ora privi di sostegno al reddito e/o disoccupati, per un ammontare pari a 60 Milioni di euro, a valere sul FSE, così ripartiti:
◦ Formazione continua 12 Milioni di euro;
◦ Formazione per la riqualificazione 10 Milioni di euro;
◦ Esperienza di formazione pratica presso un luogo di lavoro per l’acquisizione di qualifiche di approfondimento tecnico-di specializzazione 10 Milioni di euro;
◦ Azioni di accompagnamento al lavoro per l’attivazione di un rapporto di lavoro a tempo indeterminato 7 Milioni di euro;
◦ Incentivi alle imprese che procederanno all’assunzione con contratto a tempo indeterminato;
◦ Percorsi lavorativi presso Pubbliche Amministrazioni rivolti ad ex percettori di ammortizzatori sociali di età superiore ai 60 anni privi di sostegno al reddito, per favorire la permanenza nel modo del lavoro – in attività di pubblica utilità 5 Milioni di euro;
◦ Interventi rivolti agli Enti pubblici per l’erogazione di voucher buoni lavoro (LOA);
• DGR n. 722 del 16/12/2015, approva lo schema di Convenzione tra il Ministero del Lavoro e delle Politiche sociali e la Regione Campania in materia di servizi per l’impiego, finalizzata a regolare i relativi rapporti e obblighi in relazione alla gestione dei servizi per il lavoro e delle politiche attive del lavoro nel territorio della Regione.

Promessa: Affermare nell’azione amministrativa e nelle relazioni sociali un giusto equilibrio fra cultura dell’accoglienza e dell’inclusione ed il rigoroso rispetto delle regole di un’ordinata e serena convivenza civile
Commento:
• DGR n. 815 del 23.12.2015 stabilisce di finanziare il progetto di edilizia abitativa a favore della comunità ROM presente nel Comune di Giugliano;
• DGR n. 868 del 29.12.2015 apposta nel Bilancio regionale per il 2015 un contributo straordinario al Comune di Giugliano per il progetto a favore delle comunità ROM, pari ad euro 916.000 circa.

Promessa: Attivazione di un fondo di garanzia per investimenti pubblico-privati nel campo dell’impiantistica sportiva
Commento:
• La Legge Regionale n. 6 del 5 aprile 2016 individua le Universiadi quale grande evento strategico della politica regionale in tema di sport e di sviluppo; con successive deliberazioni la Giunta regionale programma le azioni e le attività funzionali alla realizzazione delle Universiadi; tra queste, sono previsti interventi di ripristino degli impianti sportivi campani, di miglioramento della struttura del Villaggio Olimpico e di attivazione di servizi connessi. È previsto che gli interventi di adeguamento saranno pensati e progettati sia in funzione dell’utilizzo immediato, sia del loro utilizzo futuro.

Promessa: Sostegno ai Comuni per il recupero di spazi pubblici per finalità di micro-impiantistica sportiva di base
Commento:
• DD n. 89 del 13.07 2016 approva il Bando per la costituzione di una graduatoria finalizzata al finanziamento della progettazione di opere e/o infrastrutture inserite o coerenti con gli strumenti del POR 2014/2020, per un totale di risorse disponibili pari a 40.000.000 Milioni di euro.

Redazione
Redazione PCH
Redazione
Redazione, 10/02/2017

Il capogruppo della Lista Caldoro Presidente e il Gruppo Partito Democratico Campania, pur avendo rilasciato le interviste, non sono intervenuti in questo specifico ambito.

La redazione Promise Checking ha esteso l’invito a intervenire a tutti i gruppi presenti in Consiglio regionale.
Dei gruppi consiliari attualmente non presenti in piattaforma, hanno accolto l’invito ma non hanno ancora inviato il loro contributo i seguenti gruppi: Campania Libera – PSI – Davvero verdi (presidente Francesco Emilio Borrelli); De Luca presidente in rete (presidente Carmine De Pascale); Fratelli d’Italia (presidente Alberico Gambino).

Non hanno ancora dato riscontro circa la volontà d’intervenire i seguenti gruppi consiliari: Forza Italia (presidente Armando Cesàro); UDC (presidente Maria Ricchiuti); Gruppo Misto (sono stati contattati il presidente Francesco Moxedano e il consigliere Pasquale Sommese).

Ha declinato l’invito a intervenire il gruppo Centro Democratico – Scelta Civica (presidente Giovanni Zannini).