Torna a "Promesse elettorali di Michele Emiliano"
Michele Emiliano
Presidente Regione Puglia

Turismo e cultura

  • Sviluppo integrato del turismo con una cabina di regia permanente con i settori della cultura, dell’ambiente e dell’agricoltura, per un’offerta turistica più completa e organica e per una pianificazione multidisciplinare di utilizzo delle risorse europee;
  • Agevolazioni fiscali per imprese e liberi professionisti che contribuiscono alla valorizzazione del patrimonio culturale e del paesaggio, attraverso una donazione ad enti pubblici o privati senza scopo di lucro;
  • Creazione di una Tourist Card multilingue disponibile in tutte le location turistiche più importanti per la mobilità integrata;
  • Semplificazione burocratica per il riutilizzo produttivo-sociale-turistico delle strutture agricole storiche (frantoi, ipogei, cantine);
  • Connessione e integrazione tra università e scuole di formazione turistica col mercato del turismo, formando e certificando operatori turistici di vario ordine e specializzazione, che possano operare più efficacemente sul territorio nell’ambito del mercato turistico;
  • Incentivi per chi intende ammodernare e rilanciare strutture già esistenti, o riconvertire immobili di pregio compresi stabilimenti balneari e approdi turistici;
  • Servizi di facility management alle imprese culturali e informatiche, ma anche alle amministrazioni locali, finalizzate a un maggiore utilizzo dei fondi europei a gestione diretta;
  • Sistema di premialità nei bandi, sull’innovazione delle imprese culturali, così come fortemente raccomandato dall’UE.
Governo
Michele Emiliano
Presidente Regione Puglia
Nina Celli, 30/01/2017

A novembre 2016 Il presidente della Regione Puglia ha presentato un bilancio del suo primo anno di governo attraverso una serie di slide: “Il primo anno di una lunga vita felice – 1500 fatti, non parole”.
Le slide, presentate nella sala del cinema Ciaky di Bari, sono una ricostruzione dell’operato del governo regionale anche in riferimento al programma elettorale presentato dal presidente Emiliano in occasione delle elezioni Regionali, pertanto, lo staff del presidente Emiliano ha fornito alla nostra redazione tale materiale quale valida testimonianza del grado di realizzazione del programma elettorale.

Nell’ambito dei bandi FSC [Fondo per lo Sviluppo e la Coesione] Accordo quadro beni culturali, il governo delle Regione Puglia dichiara lo stanziamento di:

  • 21 milioni di euro per 42 azioni di recupero, restauro, riqualificazione e valorizzazione di beni culturali di enti locali;
  • 9 milioni di euro per 10 interventi mirati al riuso ed alla valorizzazione degli ipogei;
  • 9 milioni di euro per 42 interventi a favore dei Sac [Sistemi Ambientali e Culturali];
  • 9 milioni di euro per 6 interventi di restauro e recupero del patrimonio culturale ecclesiastico;
  • 2 milioni di euro per la Bari Guest Card, per mettere a sistema l’offerta culturale della città metropolitana.

Nelle slide presentate dal governo regionale, inoltre, si dà notizia del

  • Consolidamento del rapporto con il Mibact (Ministero dei beni e delle attività culturali e del turismo];
  • Dell’attivazione di una task force di supporto agli enti locali e linee guida per interventi infrastrutturali;
  • Dello stanziamento di 9,6 milioni di euro per il Polo Bibliotecario Regionale presso l’ex caserma Rossani;
  • Dello stanziamento di 10 milioni di euro per la creazione del Polo Arte contemporanea a Bari (presso l’ex teatro Margherita ed ex mercato del pesce).

Sono, inoltre, state finanziate opere di restauro/manutenzione:

  • 10 milioni di euro per 6 teatri storici;
  • 14 milioni di euro per 15 Aree e parchi archeologici;
  • 22 milioni per 43 musei.

I dati registrati in Puglia nell’ultimo anno in ambito turistico, in riferimento a strutture ricettive e imprese, è segnalato un +8% di strutture ricettive nel 2016 rispetto all’anno precedente (fonte: Ufficio Osservatorio).

Nel settore turistico in Puglia, inoltre, nel secondo trimestre 2016 si è registrato un + 3% di imprese attive e un + 7% di addetti al settore (fonte: Camera di Commercio).

Il turismo in Puglia nei primi 9 mesi del 2016 ha contato:

  • 3000.000 di arrivi che hanno generato circa 12.900.000 pernottamenti (presenze);
  • +5% arrivi, +3% presenze (rispetto agli stessi mesi del 2015);
  • Forte crescita del mercato straniero che registra un +9% (sia per gli arrivi che per le presenze);
  • Germania, Francia, Regno Unito, Svizzera e Stati Uniti sono i 5 mercati stranieri più consistenti in termini di arrivi.

Dai dati del traffico aereo dei primi 10 mesi del 2016 risultano 5.698.234 passeggeri, +6,8% rispetto allo stesso periodo del 2015. Di questi:

1.717.237 (+14,1% rispetto al 2015) i passeggeri di linea internazionale (incremento eccellente);
3.869.002 (+4,1% rispetto al 2015) i passeggeri di linea nazionale.

A fine 2016 la rete aeroportuale pugliese potrà raggiungere e superare il traguardo dei 6,5 milioni di passeggeri.

In poco più di un anno investimenti per oltre 1 miliardo e 406 milioni di euro (di cui 501 milioni le agevolazioni richieste), per un totale di 2.641 iniziative presentate e 39.999 unità lavorative a regime.
Attraverso:

  • Contratti di Programma;
  • Pia Medie imprese, Pia Piccole imprese, Pia Turismo;
  • Titolo II ordinario Capo 3, Titolo II Turismo Capo 6.

Si sono realizzati investimenti esteri per 258 milioni di euro: più della metà (54%) di tutti gli investimenti realizzati con l’incentivo dei Contratti di Programma.
Le richieste provengono da gruppi esteri di Germania, Francia, Canada, Stati Uniti e India.

Opposizione
Antonio Salvatore Trevisi
Consigliere M5S Puglia
Nato il 26 gennaio 1976, si è laureato in Economia presso l’Università del Salento e, presso la Facoltà di Ingegneria dello stesso Ateneo, ha conseguito il dottorato di ricerca in Sistemi Energetici e Ambiente. È stato eletto consigliere regionale del M5S nella circoscrizione di Lecce ed è componente della Commissione V (Ambiente - Assetto ed utilizzazione del territorio).
Nina Celli, 29/12/2016

Per il primo punto, sullo sviluppo integrato del turismo, c’è il piano “Puglia a 365”, ovvero il piano strategico per il turismo della Regione Puglia 2016/2025 che vede coinvolti gli operatori del settore, gli Enti locali, le associazioni, le università, gal e così via, quindi qui qualcosa si sta facendo, ma servirebbe avere contezza dettagliata di questo piano da parte dell’Assessore competente.
Si è sbloccata poi anche la vicenda delle guide turistiche, con la deliberazione di Giunta di settembre 2016: sono stati approvati i bandi d’esame per il conseguimento dell’abilitazione all’esercizio della professione di guida e accompagnatore turistico, che erano fermi da anni.
Sul secondo punto, le agevolazioni fiscali per imprese e liberi professionisti, non è stato fatto nulla. Per la creazione di una Tourist Card è stata stanziata una somma di copertura in bilancio e nulla più.
Sulla semplificazione burocratica, sulla connessione e integrazione tra università, sugli incentivi per chi intenda ammodernare e rilanciare strutture già esistenti e sui servizi di facility management non risulta essere stato fatto nulla di concreto.
Sull’ultimo punto, invece, riguardo ai sistemi di premialità nei bandi, l’assessore Loredana Capone riferisce spesso di prossimi interventi in merito, ma al momento c’è stata solo una deliberazione di Giunta ad agosto 2016, con cui è stato approvato un programma delle attività culturali per il triennio 2016/2018 per un impiego di risorse di circa 650 mila euro.
Il turismo è la nostra vera ricchezza, si deve e si può fare molto di più, tutelando e salvaguardando il territorio, proteggendolo da interventi che ne minacciano l’integrità e la bellezza e attuando politiche che puntino all’attrattività del territorio sempre nell’ottica di un turismo sostenibile.

Maggioranza
Napoleone Cera
Presidente Gruppo Lista Popolari Puglia
Nato il 27 ottobre 1980 a San Giovanni Rotondo, è laureato in Giurisprudenza. È stato eletto consigliere regionale nella circoscrizione di Foggia per la lista i Popolari di cui è capogruppo. È Componente della Commissione VII (Affari Istituzionali); segretario della Commissione I (Bilancio - Finanze - Programmazione) e vice presidente della Commissione d'indagine sulla gestione dei Consorzi di bonifica.
Nina Celli, 12/10/2016

In questo settore la Puglia può godere di un cospicuo patrimonio di politiche turistiche di grande spessore, che l’attuale governo regionale ha ereditato ma che ha saputo ulteriormente valorizzare. Tuttavia, dobbiamo riscontrare l’ennesima deprecabile pratica del ricorso al commissariamento di enti e agenzie (PugliaPromozione), accompagnate dallo stato di incertezza per dipendenti e consulenti. Occorre anche incentivare un maggiore coordinamento tra strutture locali (Gal, Gac, Comuni, aziende di promozione), attraverso una cabina di regia capace di organizzare proposte integrate e con una visione a più lungo raggio.
Occorre anche favorire una rete tra imprese, operatori turistici, enti e agenzia regionale così da sviluppare sinergie positive per il territorio ed esaltare i processi virtuosi che possono avere una ricaduta positiva sullo sviluppo del territorio.
Bisogna anche incentivare la formazione del personale turistico e aumentare la qualità dell’accoglienza delle strutture ricettive (alberghi e ristoranti), magari prevedendo premialità a chi dedica parte del suo tempo a migliorare le proprie competenze e offrire maggiori servizi.

Opposizione
Ignazio Zullo
Presidente Gruppo Conservatori e Riformisti
Nato il 20 agosto 1959 a Cassano Murge (BA), è laureato in Medicina e Chirurgia ed è dirigente medico del distretto socio sanitario di base dell’Azienda Asl/Ba. Nominato presidente del Gruppo consiliare Pdl-FI in sostituzione di Rocco Palese, consigliere regionale dimissionario a seguito dell’elezione in Parlamento alle Politiche del 2013, è attualmente presidente del Gruppo consiliare Conservatori e Riformisti e componente della Commissione I (Bilancio - Finanze - Programmazione).
Nina Celli, 12/12/2016

Sono stato capogruppo dell’opposizione nella scorsa legislatura e dunque ero contro la politica di Vendola, però, onestamente, devo dire che in questo settore aveva fatto bene, proiettando il brand Puglia a livello internazionale, sia per il turismo che per la cultura. Però Emiliano ha fermato tutto: non ha dato più impulso a ciò che era stato avviato, ha voluto cambiare i manager in questi settori, e credo che ci sia stata una retrocessione, soprattutto per la cultura. Nel turismo la Puglia regge bene, ma abbiamo bisogno di destagionalizzare l’offerta turistica in Puglia e anche su questo Emiliano è assente.

Redazione
Redazione PCH
Redazione
Redazione, 10/02/2017

La redazione Promise Checking ha esteso l’invito a intervenire a tutti i gruppi presenti in Consiglio regionale.
Dei gruppi consiliari attualmente non presenti in piattaforma, hanno accolto l’invito ma non hanno ancora inviato il loro contributo i seguenti gruppi: Forza Italia (presidente Andrea Caroppo); Noi a Sinistra per la Puglia (si attende l’intervista del consigliere Cosimo Borraccino); PD (presidente Michele Mazzarano).

Non hanno ancora dato riscontro circa la volontà d’intervenire i seguenti gruppi consiliari: La Puglia con Emiliano (presidente Paolo Pellegrino); Emiliano sindaco di Puglia (presidente Sabino Zinni); Movimento Schitulli – AP (è stato contattato il consigliere Luigi Morgante).