Torna a "Promesse elettorali di Stefano Bonaccini"
Stefano Bonaccini
Presidente Regione Emilia-Romagna

#velocità

  • Con il riordino degli enti territoriali riduciamo ulteriormente i costi della politica e semplifichiamo la governance regionale: Faremo […] della Conferenza delle Autonomie Locali (CAL) una vera e propria “seconda camera”, con la presenza di rappresentanti di Comuni e Unioni, di Città metropolitana e Aree Vaste;
  • Con la “regulation review” tagliamo le norme e gli adempimenti che complicano inutilmente la vita di famiglie ed imprese senza tutelare, in concreto, i diritti delle persone, la legalità e l’ambiente: Nei primi cento giorni dell’attività di governo metteremo a punto un programma e costruiremo le condizioni di una profonda “Regulation Review” che ci porti entro i primi due anni del mandato a semplificare il quadro normativo regionale in materia di urbanistica, commercio, procedimenti amministrativi […] promuovendo la de-certificazione e rafforzando i sistemi di controllo, attraverso la completa informatizzazione e trasparenza delle procedure, in applicazione della L. 18/2011;
  • Con il piano “burocrazia zero” mettiamo tutte le energie dell’amministrazione regionale a servizio dei cittadini: Nei primi 100 giorni di governo lanceremo una spending review regionale con un forte impegno per la ‘Burocrazia zero’. Che vuol dire eliminare tutti gli enti, le strutture, le posizioni dirigenziali e i procedimenti che non hanno una utilità effettiva […] Favoriremo quindi la rotazione degli incarichi dirigenziali.
  • Una mobilità sostenibile: la cura del ferro: L’obiettivo è creare un vero e proprio Sistema Metropolitano Regionale […] collegare la Stazione Alta Velocità e l’aeroporto di Bologna. Una “cura del ferro” anche per collegare tra loro gli aeroporti.
  • Rendere più efficiente il sistema autostradale, anche per separare i flussi esterni da quelli metropolitani e regionali, a partire dal completamento del corridoio adriatico […] e dal Passante Nord di Bologna.
Governo
Redazione PCH
Redazione
Redazione, 10/02/2017

Il presidente della Regione Emilia-Romagna, Stefano Bonaccini, invitato a intervenire, si è dichiarato non interessato a partecipare al progetto Promise Checking.
La redazione resta comunque in attesa di future comunicazioni da parte del governo regionale.

Opposizione
Gruppo Movimento 5 Stelle Emilia - Romagna
Gruppo consiliare
Il Gruppo Movimento 5 Stelle della Regione Emilia - Romagna è formato dai consilieri Andrea Bertani, Silvia Piccinini, Raffaella Sensoli, Gian Luca Sassi e Giulia Gibertoni.
Nina Celli, 23/12/2016

Il primo punto (CAL = seconda Camera) dov’è? Dov’è la differenza rispetto a prima? La stagione della nascita delle forme associate di gestione dei servizi oggi richiede di essere ripensata e i processi, molto importanti, di fusioni sono stati messi in pessima luce da un atteggiamento prepotente della Giunta e del partito di riferimento, il PD.

La Regulation review è un’espressione inglese, che sembra parlare di cose nuove, ma corrisponde alla normale azione di revisione normativa che si fa ordinariamente.

Per ora si è concentrata su una legge regionale, la L.R. /2015. Una regola di un anno fa rivista da chi l’ha votata già numerose volte.

Quanto a burocrazia zero…  Enti regionali e Agenzie aumentano di numero.

La rotazione dei dirigenti è molto limitata e numerose figure gestiscono gli stessi procedimenti da ben più di dodici-quindici anni.

I collegamenti ferro fra AV (ma ci sarebbero anche i treni regionali!) e Aeroporto dove sono? Ci sarebbe una stazione pronta. E ci sarebbero i binari anche per la fiera, ma si pensa a tutt’altro (People Mover)

 

Maggioranza
Igor Taruffi
Presidente Gruppo Sel-Si Emilia-Romagna
Igor Taruffi nasce a Porretta Terme il 12 giugno del 1979. Consegue il diploma di maturità scientifica. Dal 2002 al 2012 ricopre la carica di consigliere comunale e assessore a Porretta Terme e, successivamente, viene chiamato come collaboratore a progetto del gruppo assembleare regionale Sel – Verdi fino all’ottobre 2014.
Nina Celli, 21/10/2016

Per quanto riguarda la spending review, la riduzione delle spese e il processo di riduzione dei Comuni sicuramente si sta lavorando e ci sono risultati completi. Sono stati approvati dall’Assemblea già sei o sette processi di fusione tra piccoli Comuni che hanno dato origine a livelli amministrativi più strutturati sul territorio. Per la spending review regionale si è intervenuti riducendo il numero di dirigenti, operando alcune riorganizzazioni delle strutture regionali e si è impostato il lavoro per chiudere diverse società partecipate ritenute non più strategiche. Su questi punti, credo che si possa essere soddisfatti del lavoro che è stato già realizzato. Per quanto riguarda la cosiddetta “cura del ferro”, si è finalmente invertito il trend dominante che prevedeva maggiori investimenti nei collegamenti su strada. Dal nostro punto di vista rimangono sicuramente criticità su alcune opere, che tuttavia sono state finanziate, come il collegamento tra la stazione di Bologna e l’aeroporto. Sulla riorganizzazione delle fiere abbiamo avviato la discussione per arrivare al polo fieristico regionale ed unire le realtà più importanti. In particolare per la sistemazione del settore autostradale, qualcosa è stato fatto, con finanziamenti per l’Autostrada CisPadana, anche se a nostro avviso non è una soluzione strategica.

Opposizione
Galeazzo Bignami
Presidente Gruppo Forza Italia Emilia-Romagna
Galeazzo Bignami nasce a Bologna il 25 ottobre 1975. Si laurea in Giurisprudenza e si iscrive all’ordine degli Avvocati. Fin da giovanissimo si appassiona alla politica, militando da studente nel Fronte della Gioventù e diventando a 17 anni segretario regionale del Fronte universitario di azione nazionale. Nel 1999 viene eletto a Bologna e poi riconfermato nelle successive elezioni del 2004 per il Pdl. Viene eletto consigliere regionale nel 2010 e nel 2014.
Nina Celli, 17/10/2016

In realtà la “Burocrazia zero” la stiamo ancora aspettando, così come una vera rotazione degli incarichi dirigenziali e lo snellimento di tutte quelle strutture che costituiscono un ostacolo all’imprenditoria. Anche sul sistema della mobilità, penso alla “cura del ferro”, pur riconoscendo gli sforzi compiuti, ancora molto resta da fare per risolvere gli annosi problemi dei pendolari che devono ancora fare i conti con guasti e ritardi frequenti dei treni. Constatiamo anche una indecisione per quel che concerne opere di particolare interesse strategico, come il Passante Nord, archiviato a favore di un non meglio definito Passante di Mezzo al quale noi ci opponiamo con forza perché eccessivamente impattante e non risolutivo rispetto al problema del congestionamento del traffico sul nodo di Bologna. Stiamo portando avanti una battaglia per far sì che la Regione prenda in seria considerazione l’alternativa del Passante Sud, oltre che attivarci per portare questo tema direttamente all’attenzione dei cittadini attraverso un referendum.

 

Redazione
Redazione PCH
Redazione
Redazione, 10/02/2017

La redazione Promise Checking ha esteso l’invito a intervenire a tutti i gruppi presenti in Consiglio regionale.
Dei gruppi consiliari attualmente non intervenuti in piattaforma, ha accolto l’invito ma non ha ancora inviato il contributo il gruppo Lega Nord (si attende l’intervento del consigliere Massimiliano Pompignoli).

Non hanno ancora dato riscontro circa la volontà d’intervenire i seguenti gruppi consiliari: PD (presidente Stefano Caliandro); Fratelli d’Italia (presidente Tommaso Foti).

Ha declinato l’invito a intervenire il gruppo L’Altra Emilia-Romagna (presidente Piergiovanni Alleva).