Torna indietro

Claudia Terzi, assessore regionale all’Ambiente Energia e Sviluppo sostenibile, nel convegno dedicato alle proposte per la “Nuova strategia energetica nazionale”, ha presentato il piano scelto da Regione Lombardia per il rinnovamento energetico. “Abbandonare l’energia derivante da fonti fossili – ha sintetizzato Terzi – puntare su quelle rinnovabili, su mobilità sostenibile, efficientamento energetico degli edifici e avere una nuova rete di illuminazione in chiave smart”.
Alla riunione, organizzata da Agici Finanza d’Impresa e Accenture, hanno partecipato il presidente di Agici Finanza e impresa, Andrea Gilardoni, il responsabile del settore Energia di Accenture, Mauro Marchiaro e l’amministratore delegato di HomeServe, Lionello Guelfi.

L’assessore Terzi, nel suo intervento, ha puntato il dito contro l’inerzia del governo nazionale in questo ambito: “Abbiamo affrontato il tema energetico in maniera decisa, anche rispetto al governo nazionale. Ricordo che, per esempio, il governo non ha ancora aggiornato ed emanato la nuova Strategia energetica nazionale (Sen), così come altri provvedimenti in materia ambientale quali il ‘Green act’, attesi ma mai concretizzati”.
La Terzi ha fatto una panoramica delle misure attuate, spiegando come nell’ambito della programmazione regionale siano stati attuati interventi per circa 65 milioni di euro, finalizzati all’efficientamento energetico degli edifici comunali e dell’illuminazione pubblica. Altre iniziative, per quasi 6 milioni di euro, sono state indirizzate all’installazione di accumulatori di impianti fotovoltaici e di dispositivi per la ricarica domestica.

L’assessore ha chiuso facendo il punto per le azioni da intraprendere: “Per il futuro una prossima misura riguarderà la realizzazione di una rete per la ricerca dei veicoli elettrici e, per risorse rimanenti, si valuterà l’opportunità di predisporre nuove misure o di replicare quelle già in corso. Non meno importante, soprattutto per le nostre imprese, è anche la possibilità di avere a propria disposizione sul territorio infrastrutture di telecomunicazione adeguate”.