Torna indietro

La Regione Piemonte, il I marzo 2017, ha ospitato il Comitato di Sorveglianza di ALCORTA 2014 – 2020 (Alpi Latine Cooperazione TRAnsfrontaliera), programma di cooperazione transfrontaliera tra Italia e Francia, a cui aderiscono le regioni Piemonte, Liguria, Valle d’Aosta, Provence-Alpes-Côte d’Azur, Auvergne-Rhone-Alpes.

Il comitato, presieduto da Alberto Valmaggia, assessore regionale all’Ambiente, ha deciso di stanziare 12,6 milioni di euro per percorsi di innovazione e 16 milioni per la prevenzione di rischi ambientali e cambiamenti climatici. Sedici tra questi progetti riguardano il territorio di competenza della Regione Piemonte.
La cooperazione mira a ridurre il divario tra i livelli di sviluppo delle varie regioni europee e, per il Piemonte, coinvolge, oltre al territorio alpino di confine, la provincia di Cuneo e la Città metropolitana di Torino.

Il programma ALCORTA è attivo dal 1990 e quello 2014-2020 è il quinto periodo di attuazione. Finanziato dal Fondo europeo di sviluppo regionale, il programma fa parte della più ampia strategia Europa 2020, e si rivolge a temi quali la ricerca e l’innovazione, l’occupazione, il cambiamento climatico, il problema delle energie, l’inclusione sociale e la lotta alla povertà.

L’assessore Valmaggia, intervistato dalla stampa, si è detto soddisfatto della riunione avvenuta in Regione Piemonte: “La riunione di oggi si è svolta in un clima di grande collaborazione e condivisione e ha messo in evidenza come i territori piemontesi siano fortemente impegnati con i partner francesi a sviluppare ipotesi progettuali che abbiano ricadute positive sull’economia regionale”.