Torna indietro

PESCARA – Tempi e qualità dei servizi sanitari nel Lazio saranno migliorati grazie alla maggiore sinergia tra le strutture della nuova rete dei laboratori. Procede nella giusta direzione, dunque, la riforma dei laboratori pubblici regionali, a cominciare dall’ospedale Pertini: la rete, in conformità con la direttiva nazionale, sarà riorganizzata in 8 hub e 27 spoke.

L’hub inaugurato all’ospedale Pertini il 18 aprile coprirà gli esami nei 17 centri prelievi del territorio delle Asl Rm2 e Rm5, che includono anche il carcere di Rebibbia e i presidi ospedalieri di Palestrina, Subiaco, Tivoli, Monterotondo, Colleferro.

Le nuove reti hub abbasseranno i costi sanitari fino al 25-30%, grazie a tecnologie di avanguardia in grado di garantire qualità e capacità produttiva maggiori. Altro aspetto positivo della riorganizzazione sarà la maggiore integrazione tra ospedale e territorio, assicurando diagnostica ospedaliera e territoriale grazie alla rete di case della salute.

I centri prelievo saranno collegati con gli hub di riferimento e sfruttando il sistema Escape avverrà la refertazione immediata e automatica in ogni singolo laboratorio.