Vincenzo De Luca
Presidente Regione Campania

Nato a Ruvo del Monte, in provincia di Potenza, l’8 maggio 1949, ma trasferitosi molto giovane a Salerno, Vincenzo De Luca si laurea in Filosofia presso l’Università degli Studi di Salerno. Da giovane aderisce al Partito Comunista Italiano, dopo un’esperienza come sindacalista, durante la quale milita in Alleanza Contadina e si dedica principalmente al settore agricolo del salernitano. Nel 1975 viene nominato segretario provinciale del PCI e, in seguito, del Partito Democratico della Sinistra.
Nel 1990 viene eletto nel consiglio comunale di Salerno, con gli incarichi di assessore ai Lavori Pubblici e vicesindaco. Nel 1993, a causa delle dimissioni del sindaco, Vincenzo Giordano, diviene sindaco ad interim per un mese. Nelle successive elezioni, nel dicembre dello stesso anno, viene eletto sindaco, alla guida della lista “Progressisti per Salerno”. Viene, poi, riconfermato nelle successive elezioni del 1997 con il 71,3% dei consensi. Una vittoria di larga misura, agevolata dal programma di lavori pubblici, che prevede la manutenzione straordinaria dei quartieri e l’avvio di grandi opere pubbliche.
Dimessosi prima della scadenza del mandato, nel 2001 si candida e viene eletto alla Camera dei Deputati con il 55,4% dei voti, il miglior risultato mai ottenuto da un candidato meridionale dell’Ulivo. Viene nominato vice presidente della Commissione parlamentare d’inchiesta sui rifiuti e componente della Commissione trasporti.
Nel 2005 Vincenzo De Luca viene iscritto nel registro degli indagati nell’ambito delle indagini sul progetto “Seapark”, il parco marino che doveva essere realizzato a Salerno nell’area dell’ex stabilimento Ideal Standard.
Rieletto ancora alla Camera nel 2006, fino al 2008 è stato membro della XIII Commissione Agricoltura. Dopo appena due mesi dalle elezioni alla Camera si candida nuovamente a sindaco di Salerno e viene rieletto con il 56,9% dei voti, nonostante l’opposizione di parte della Sinistra – che appoggiava il candidato Alfonso Andria – e dell’amministrazione regionale campana, guidata da Antonio Bassolino.
De Luca è nuovamente riconfermato nelle amministrative del 2011, arrivando a raccogliere, in quest’ultima tornata elettorale, il 75% dei voti.
Dal 2001 al 2008 viene eletto alla Camera dei Deputati e diviene membro della Commissione bicamerale per l’emergenza rifiuti, della Commissione Trasporti e Telecomunicazioni, e della Commissione Agricoltura.
Nel gennaio 2013, la classifica del quotidiano “Il Sole 24 Ore” (Governance Poll) attesta Vincenzo De Luca al primo posto come “sindaco più amato d’Italia”.
Nello stesso anno è nominato sottosegretario al Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti del governo Letta.
A fine 2014 si candida alle elezioni primarie del centro-sinistra per la scelta del candidato alla presidenza della Regione Campania, vincendo con il 52% dei voti e divenendo così il candidato del Partito Democratico per le elezioni regionali del 31 maggio 2015.

La candidatura a presidente della Regione Campania
Come si legge sul sito internet di Vincenzo De Luca: “La mia campagna elettorale ha come slogan ‘Mai Più Ultimi’ a dimostrazione della chiara intenzione di consentire alla Campania la riconquista dei propri primati, in ogni settore: dall’ambiente alla burocrazia, dall’innovazione alla sicurezza, ai trasporti alla sanità, dal lavoro al mondo dell’istruzione.
Ci candidiamo per mettere in atto una rivoluzione della dignità e per adottare un modello corretto, trasparente, efficace di utilizzo dei fondi europei che spazzi via ogni elemento di corruzione politica e personale. Mai più una regione che costringa un cittadino, un imprenditore, un professionista, ad essere offeso nella sua dignità e costretto a trovarsi un padrino politico per veder rispettati i propri diritti. La regione che pensiamo di costruire dovrà funzionare in maniera normalmente corretta per tutti i cittadini senza bisogno di trovare “ammanigliamenti” di ogni tipo.
Ci candidiamo per mettere in atto azioni concrete sin dal nostro insediamento” (Biografia Vincenzo De Luca, “vincenzodeluca.it”, consultato il 02 dicembre 2016).

De Luca Presidente della Regione Campania
Il 31 maggio 2015 Vincenzo De Luca, a capo della coalizione formata dal Partito Democratico, Udc, Italia dei Valori, Partito socialista italiano, Centro Democratico – Scelta Civica e dalle liste De Luca presidente, Campania libera, Campania in rete e Davvero Verdi, vince le elezioni regionali riscuotendo 987.927 voti, pari al 41,15% dei consensi, aggiudicandosi 30 seggi. Esce sconfitto il diretto avversario di centro – destra, Stefano Caldoro che si ferma al 38,38% e 12 seggi. Valeria Ciarambino del Movimento 5 Stelle, invece, conquista 7 seggi con il 17,52% delle preferenze degli elettori (Elezioni regionali 2015, Campania, “La Repubblica”, 5 giugno 2015). De Luca viene proclamato ufficialmente presidente della Regione Campania il 18 giugno, ma dopo otto giorni viene sospeso dalla carica in virtù della Legge Severino, per la condanna ad un anno per abuso d’ufficio. L’accusa riguardava la nomina di un project manager per la costruzione del termovalorizzatore di Salerno. La sospensione, tuttavia, dura pochi giorni: il 2 luglio il Tribunale di Napoli accoglie il ricorso impugnato d’urgenza, dando così a De Luca la possibilità di firmare gli atti e nominare la Giunta. Il presidente campano viene poi assolto, nel processo di appello, il 5 febbraio del 2016, assoluzione confermata il 14 settembre dalla Cassazione (Legge Severino, la Consulta su casi De Luca e Amati: “La sospensione dopo condanna è legittima”, “Il Fatto Quotidiano”, 5 ottobre 2016). De Luca, in realtà, già prima della candidatura era finito nella lista degli “impresentabili” per la commissione Antimafia di Rosy Bindi, per le accuse di corruzione, truffa, falso, concussione e associazione a delinquere legate alla vicenda del parco acquatico Sea Park del 1998, che sarebbe dovuto sorgere nell’area dismessa Ideal Standard. Rifiutata la prescrizione nel 2012, il presidente campano viene assolto, il 29 settembre 2016, con formula piena, insieme agli altri 41 imputati perché “il fatto non sussiste”.  “Assoluzione piena dopo 18 anni – scrive De Luca su Twitter subito dopo la decisione dei gudici- Esprimo piena soddisfazione e rispetto per la magistratura. Era questa la vicenda per cui una avventurosa parlamentare ci aveva presentato come ‘impresentabili’” (Vincenzo De Luca assolto a Salerno per il Sea Park: “Fatto non sussiste”. Attacco a Bindi: “Altro che impresentabile”, “Il Fatto Quotidiano”, 29 settembre 2016).

De Luca e il referendum costituzionale
Vincenzo De Luca torna a far parlare di sé a livello nazionale nel dicembre del 2016, quando viene aperto un fascicolo su di lui dalla Procura di Napoli, che lo accusa di istigazione al voto di scambio per il referendum costituzionale. La vicenda parte da un file audio diffuso da “Il Fatto Quotidiano” che fa riferimento ad una riunione all’hotel Ramada di Napoli il 15 novembre, tra il governatore e circa 300 sindaci della regione. De Luca, così come il suo portavoce Paolo Russo, tra i primi ascoltati in merito dal pm Stefania Buda, insiste sull’inconsistenza delle accuse e sul valore goliardico delle battute fatte nell’incontro con i primi cittadini campani (Vincenzo Iurillo, Vincenzo De Luca indagato per istigazione al voto di scambio. Pm sente il portavoce sul caso fax, “Il Fatto Quotidiano”, 14 dicembre 2016).

FONTI
http://www.vincenzodeluca.it/biografia/
http://www.repubblica.it/static/speciale/2015/elezioni/regionali/campania.html?refresh_cens
http://www.ilfattoquotidiano.it/2016/10/05/legge-severino-la-consulta-su-casi-de-luca-e-amati-la-sospensione-dopo-condanna-e-legittima/3077401/
http://www.ilfattoquotidiano.it/2016/12/14/vincenzo-de-luca-indagato-per-istigazione-al-voto-di-scambio-pm-sente-il-portavoce-sul-caso-fax/3258282/

Promesse elettorali di Vincenzo De Luca

Il programma elettorale di Vincenzo De Luca alle Elezioni Regione Campania 2015

  • Vincenzo De Luca - Governo

    Tra le azioni segnalate: piano di attuazione del programma Garanzia Giovani per il periodo 2014 – 2020; premio per giovani agricoltori; piano di incentivi alle imprese che assumono; approvazione dello schema di convenzione con il Ministero per lo stanziamento di 17 mila euro per il personale dei Centri per l’Impiego; programmati €60.000.000 per il piano di formazione-lavoro per ex percettori di ammortizzatori sociali privi di reddito; approvazione del progetto Sviluppo Campania, relativo all’autoimprenditorialità giovanile.

    Massimo Grimaldi - Opposizione

    “La Campania non è rientrata nelle aree di crisi complesse ed avrà dunque meno risorse ed opportunità per affrontare la crisi occupazionale. I lavoratori sono lasciati totalmente soli”. Anche durante il governo Caldoro ci sono state crisi occupazionali serie, ma le Istituzioni erano presenti.

  • Vincenzo De Luca - Governo

    Tra gli obiettivi raggiunti: approvazione della legge annuale di semplificazione 2015; istituzione dell’Ufficio Speciale Servizio Ispettivo Regionale sanitario e sociosanitario; abolizione Arsan; approvazione del nuovo piano ospedaliero; assegnazione ai nuovi direttori generali delle aziende sanitarie di obiettivi di efficienza dell’assistenza sanitaria; approvazione della legge che disciplina la procedura di nomina dei direttori generali delle aziende sanitarie.

    Massimo Grimaldi - Opposizione

    Quello della sanità è uno dei temi che viene più strumentalizzato per gettare fumo negli occhi degli elettori: “La sanità campana ha bisogno di ben altro impegno e di ben altra capacità strategica e di direzione politica”. La Giunta De Luca, in conflitto con la gestione commissariale [in carica fino al 23/11/2017], ha bloccato il processo di risanamento avviato nel 2010.

    Gruppo Partito Democratico Campania - Maggioranza

    In ambito sanità, oltre all’avviamento dell’iter per l’eliminazione dei tetti di spesa e ripristino dei fondi per la medicina del territorio e di sostegno ai centri di abilitazione, all’avviamento della revisione del piano di riassetto ospedaliero, è stata approvata una legge sulla scelta dei direttori generali per concorso e non per fedeltà e nomina politica.

  • Vincenzo De Luca - Governo

    Approvata la legge regionale sul riordino delle funzioni amministrative non fondamentali delle province; istituito lo Sportello Unico Regionale per le Attività Produttive (SURAP); dismesse le quote di partecipazioni in organismi che assolvono alle medesime funzioni dell’Agenzia regionale per il turismo e dei beni culturali; soppresso l’Arlas; soppresso e accorpato l’UOD, tagliate posizioni dirigenziali, riorganizzati compiti e funzioni di Dipartimenti e Direzioni Generali; attivata la piattaforma a supporto del SIT regionale; approvati i programmi “La Regione in un click” e “Carta della cittadinanza digitale campana”.

  • Vincenzo De Luca - Governo

    Per la “Terra dei fuochi” si è approvato lo schema di APQ e firmato l’accordo di Programma Quadro “Terra dei Fuochi”; approvate disposizioni per l’attuazione degli adempimenti per conformarsi alla Sentenza della Corte di Giustizia Europea del 16.07.2015 in materia di smaltimenti dei rifiuti. Approvato il Programma stralcio operativo; approvati il Primo Stralcio Operativo e il Piano Straordinario degli Interventi per il trattamento delle ecoballe; impegnati 89 milioni di euro per ripascimento degli arenili dell’area cilentana.

    Massimo Grimaldi - Opposizione

    Il 30 maggio 2016 scorso è stato inaugurato il primo cantiere aperto per la rimozione delle ecoballe, ma, dopo alcuni mesi, risulta smaltito soltanto l’1% della parte annunciata e “neanche un centesimo è stato speso e nemmeno previsto per le bonifiche, come se togliere il veleno dalle nostre terre non fosse una priorità”.

    Gruppo Partito Democratico Campania - Maggioranza

    Approvazione del Piano di Utilizzazione degli arenili, ripascimento spiagge, difesa del litorale e protezione della costa.

  • Vincenzo De Luca - Governo

    Deliberate azioni di efficientamento del Trasporto Pubblico Locale e realizzato il trasporto pubblico gratuito per gli studenti a basso reddito fino a 25 anni. Sono state riattivate le funivie Montevergine e Faito e approvato lo schema del protocollo d’intesa per la fruibilità e l’utilizzo di stazioni ferroviarie e aree dismesse.

    Massimo Grimaldi - Opposizione

    Il trasporto pubblico locale continua a peggiorare. Il governo del presidente Caldoro, non De Luca, ha ripianato i debiti e trovato nuove risorse: “De Luca fa il bravo con il lavoro degli altri”.

  • Vincenzo De Luca - Governo

    Approvato il programma “Scuola viva”, finalizzato a rafforzare la relazione tra scuola, territorio, imprese e cittadini e a contrastare il fenomeno della dispersione scolastica; deliberato il finanziamento di borse di studio per sviluppatori di applicazioni innovative, per ideare e progettare App e gestire start up digitali; approvato il documento strategico Regionale di ricerca e innovazione per la specializzazione intelligente.

  • Vincenzo De Luca - Governo

    Approvate tre delibere che vanno ad incidere su tutti i temi legati alla sicurezza e alla legalità, in particolar modo per quanto attiene le aree ad alta intensità criminale; deliberato Fondo europeo di sviluppo regionale per aumentare la legalità nelle aree ad alta esclusione sociale e miglioramento del tessuto urbano nelle aree a basso tasso di legalità; delibera per la promozione e il riutilizzo istituzionale, sociale e produttivo dei beni confiscati alle mafie; istituzione del coordinamento delle associazioni antiracket e antiusura e nomina di un commissario straordinario.

  • Vincenzo De Luca - Governo

    Approvati tutti i programmi europei fermi alla commissione europea; definiti e approvati i programmi finanziati da risorse nazionali; centralizzate la programmazione e il monitoraggio dei fondi europei e nazionali in un’unica struttura (Presidenza); costituita una task force regionale per il coordinamento e monitoraggio permanente sull’attuazione degli interventi e di supporto ai Comuni destinatari di risorse. Sono stati adottati tutti gli strumenti di programmazione, definite le priorità e le strategie conformemente al programma di governo. La Giunta ha provveduto a dare avvio all’attuazione dello strumento agevolativo “Credito d’Imposta per Investimenti” per le imprese che acquistano beni strumentali nuovi destinati a strutture produttive ubicate in Campania.

  • Vincenzo De Luca - Governo

    È stato istituito lo Sportello Unico Regionale per le Attività Produttive (SURAP); approvata il 19 luglio 2016 la legge regionale “Manifattura Campania: Industria 4.0”. Avviato il piano di incentivi alle imprese che investono sul territorio con nuove assunzioni; deliberato l’accordo di programma per lo sviluppo della banda ultra larga; istituita la Banca delle terre Campane e sottoscritto un accordo di finanziamento tra la Regione e Sviluppo Campania S.p.A.

  • Vincenzo De Luca - Governo

    Programmate risorse per l’assegnazione di voucher per nidi e asili nido; destinati fondi per i diritti sociali, le politiche sociali e la famiglia e per famiglie con carichi di cura a favore di minori, anziani non autosufficienti e persone con disabilità. È stato approvato il programma “Scuola viva” a favore dell’inclusione sociale; attivati percorsi lavorativi presso P.A per ex percettori di ammortizzatori sociali di età superiore ai 60 anni privi di sostegno al reddito; approvato il finanziamento del progetto di edilizia abitativa a favore della comunità ROM presente nel Comune di Giugliano.

  • Vincenzo De Luca - Governo

    Approvato il Piano Operativo Complementare per interventi sui Beni e le attività culturali e potenziate le funzioni dell’Agenzia regionale per la promozione del turismo e dei beni culturali; sottoscritto l’accordo tra Regione Campania, MiBACT, Comune di S. Tammaro e Prefettura di Caserta, per la valorizzazione del Real Sito di Carditello; approvato il Piano triennale Musei e biblioteche; stanziati fondi per “Costruire il futuro. Nuove politiche per i giovani” finalizzata ad agevolare la partecipazione attiva dei giovani alla vita della comunità. Approvate, inoltre, “Misure per potenziare e rendere effettivo il diritto allo studio universitario”.

    Gruppo Partito Democratico Campania - Maggioranza

    Adottato un testo unico delle norme regionali a sostegno alle attività culturali e dello spettacolo. La legge sul Cinema è un investimento in un settore decisivo per lo sviluppo economico della Campania, la quale mette le basi per far lavorare i giovani in regione, evitando la fuga di professionalità e cultura.

  • Vincenzo De Luca - Governo

    Con due deliberazioni di Giunta, sono stati individuati itinerari culturali da finanziare, tra cui quello “Centro Storico di Napoli” e Itinerari culturali per aggregati territoriali e di contenuto. Nell’ambito delle Universiadi, sono previsti interventi di miglioramento della struttura del Villaggio Olimpico, che sarà realizzato nell’area ex Nato di Bagnoli; approvato l’accordo di Programma tra Regione Campania e Ministero dello Sviluppo Economico per lo sviluppo della banda ultra larga. È stato approvato il POC, con il quale si finanziano i teatri San Carlo, Mercadante e Trianon.