Torna indietro

400 mila euro stanziati per il fondo regionale di garanzia per chi intende acquistare la prima casa servendosi di un mutuo bancario, con la concessione di una fidejussione per facilitare il pagamento delle rate. Il presidente della Regione Liguria, Govanni Toti, e l’assessore all’Urbanistica, Marco Scajola, hanno presentato il progetto, rivolto alle giovani famiglie e alle persone fino ai 40 anni. “Continua l’attenzione della Giunta regionale verso le categorie più deboli e le giovani coppie – precisa Giovanni Toti – Per questo abbiamo proposto, per la prima volta, un Fondo che vuole dare risposte concrete alle difficoltà che possono incontrare le famiglie più giovani, ne valuteremo comunque, la riuscita, dopo una prima fase di sperimentazione”. L’obiettivo, infatti, è quello di ridurre il pericolo “inadempimento” legato a difficoltà economiche di vario genere, come la perdita del posto di lavoro.

I parametri per accedere alla garanzia sono: un importo del mutuo non superiore a 150 mila euro, una durata non inferiore a 25 anni e un costo dell’immobile che non superi i 200 mila euro. La garanzia regionale sarà del 10% del totale del mutuo concesso dalla banca, senza oltrepassare il limite massimo di 10.000 euro a persona, per le rate insolute.

Marco Scajola ha ben sintetizzato l’essenza del nuovo fondo: “Abbiamo voluto dare vita a un fondo di garanzia per far fronte alle difficoltà economiche che stanno attraversando le famiglie e in particolare per l’impossibilità che, spesso, hanno le giovani coppie di dar vita a una convivenza stabile. Il Fondo, che per la prima volta viene costituito dalla Regione Liguria, vuole offrire una garanzia aggiuntiva all’utenza che potrà così essere coperta in caso di difficoltà dovuta a una malattia, incidente o alla perdita del posto di lavoro. Limitarlo ai trent’anni ci sembrava un’età troppo bassa per cui l’abbiamo esteso fino ai 40 anni di età. Abbiamo stabilito un periodo di attivazione sperimentale del Fondo, pari a 24 mesi, per valutare il riscontro della misura, con l’obiettivo di trasformarlo in un fondo permanente. Noi in questo modo interveniamo in situazioni che possono trasformarsi, per problemi sopravvenuti, in rischio di povertà”.

 

FONTE:
http://www.regione.liguria.it/regione-liguria/ente/giunta/item/14702-fondo_garanzia_mutui_prima_casa.html